Lo sfogo di Buffon dopo Real-Juventus si è rivelato un boomerang. Le parole del portiere della Juventus espulso per proteste dopo il contestato rigore assegnato alle merengues nel finale del match di Champions potrebbero costargli una lunga squalifica da scontare anche in Serie A. Nel frattempo però sono diventate oggetto di un tormentone, non solo sui social. Curioso infatti, quanto accaduto a Corato, comune della città metropolitana di Bari.

I manifesti-sfottò per Buffon e la Juve affissi a Corato

Per le strade della città infatti sono stati affissi alcuni manifesti, di grandi dimensioni, con l'intento di riservare uno sfottò post Real-Juve ai tifosi bianconeri e probabilmente anche allo Juventus Club coratino molto noto nell'ambito nella curva della Vecchia Signora. Sugli stessi è immortalato Gigi Buffon con una bustina di patatine, con alle sue spalle Cristiano Ronaldo che esulta in tv o sotto la curva del Santiago Bernabeu. Un chiaro riferimento alle parole del portiere indirizzate all'arbitro Oliver: "Un essere umano non può fischiare un episodio stra-dubbio, dopo una gara del genere a meno che al posto del cuore non abbia un bidone dell’immondizia. Se non hai la personalità per stare a questi livelli, allora vai in tribuna con la famiglia, compra le patatine e goditi lo spettacolo".

Uno dei manifesti sfottò per Buffon, affissi a Corato
in foto: Uno dei manifesti sfottò per Buffon, affissi a Corato

Il tormentone social sulle parole di Buffon

Un episodio senza dubbio curioso che ha conquistato immediatamente il web e i social. Social che si sono scatenati dopo l'intervento al vetriolo del portiere che ha di fatto diviso l'opinione pubblica. Molto gettonata anche l'altra colorita affermazione della bandiera bianconera: "Al di là della personalità, un direttore di gara non può decretare un'uscita di una squadra in questo modo. Cosa hai al posto del cuore, un bidone dell'immondizia?". Frase che ha generato un'infinità di tormentoni sull'argomento e che è stata utilizzata per numerosi fotomontaggi