Non c'è pace per il povero Edson Arantes do Nascimento. Appena rientrato in Brasile, dopo lo spavento e i giorni di ricovero a Parigi dovuti all'infezione urinaria, Pelé è infatti finito nuovamente in ospedale a San Paolo per nuovi controlli medici. Dai test svolti all'Albert Einstein Israelitico, è però emersa l'esigenza di sottoporre il tre volte campione del mondo ad un'operazione chirurgica.

Come ha confermato lo staff medico dell'ospedale brasiliano, Pelé sarà infatti operato per un calcolo all'uretere. "Gli esami hanno rivelato un calcolo nell'uretere sinistro, il cui ritiro è programmato, ma in una data non ancora determinata. Il paziente è comunque in buone condizioni generali da un punto di vista clinico", ha spiegato il direttore sanitario dell'Albert Einstein Israelitico.

La precedente operazione all'anca

Dopo l'operazione del 2016, quando a New York andò sotto i ferri per lo spostamento della protesi all’anca impiantata quattro anni prima, l'ex stella del calcio brasiliano è dunque atteso da un altro intervento chirurgico. A rendere meno pesante il ricovero e l'attesa per l'operazione, c'è però il grande affetto che tutti i tifosi brasiliani gli hanno dimostrato anche in questi giorni difficili.

Tra i tanti messaggi di sostegno, Pelé ha anche ricevuto quello del suo eterno rivale: Diego Armando Maradona. L'abbraccio dell'argentino è arrivato virtualmente, grazie ad un post e ad una fotografia suggestiva (che ritrae entrambi davanti ad una chitarra) pubblicati sulle pagine social del Pibe de Oro: "Ti auguro una pronta guarigione, Rey: forza. Questa foto compie 40 anni. È stata scattata a Rio de Janeiro, quando ci siamo conosciuti personalmente. Che giovani che eravamo".