Con l'annuncio ufficiale dell'Inter, arrivato a margine delle visite mediche e della firma sul nuovo contratto di cinque anni, Nicolò Barella può brindare all'inizio di un nuovo suggestivo capitolo della sua brillante carriera. Il giovane centrocampista sardo sarà infatti uno dei nuovi protagonisti della formazione di Antonio Conte. In campionato, ma soprattutto in Champions League: la competizione che tutti i calciatori vorrebbero almeno una volta nella vita giocare.

Se dalle parti di Appiano Gentile dirigenti e tifosi sono tutti in festa per l'arrivo del nazionale azzurro, in casa Cagliari c'è ovviamente tristezza per la partenza di Barella: giocatore che aveva saputo ritagliarsi uno spazio importante nel cuore di tutti i tifosi rossoblu. Ecco perché la società di Tommaso Giulini, che incasserà ben 45 milioni di euro per il cartellino del classe '97, ha deciso di salutare il giocatore con un commovente ricordo della sua carriera in Sardegna.

Barella nella sede nerazzurra – Foto da Twitter Inter
in foto: Barella nella sede nerazzurra – Foto da Twitter Inter

Il saluto del Cagliari

"Nella vita di ogni ragazzo arriva prima o poi il momento di lasciare casa per continuare da solo il proprio cammino – si legge nel comunicato pubblicato dal club sardo – È con un pizzico di emozione che il Club vede oggi partire Nicolò. Dalla scuola calcio Gigi Riva, al settore giovanile del Cagliari, alla prima squadra sino alla conquista della Nazionale: quel bambino troppo forte per giocare con i suoi coetanei è diventato un campione. Con il rossoblù addosso 112 presenze, 7 gol e 6 assist: ma i numeri da soli non bastano a raccontare il suo contributo".

"Nato a Cagliari, tifoso della squadra della sua città, è cresciuto caricandosi sulle spalle sempre maggiori responsabilità: con fierezza sarda ha sviluppato la tempra del condottiero, senza tremare davanti alle sfide più difficili e arrivando a indossare anche la fascia da capitano. Trascinatore, mix esplosivo di talento, tecnica, tenacia e dinamismo: è stato protagonista con tutte le nazionali giovanili fino ad indossare la maglia azzurra dove ha già collezionato 2 gol in 7 gare. Questa casa rossoblù sarà sempre anche la tua. Arrivederci, Nicolò".