Nonostante le rassicurazioni delle scorse ore del presidente, in casa Barcellona tira una brutta aria per Ernesto Valverde: il 55enne tecnico dei blaugrana. La sconfitta bruciante in Coppa del Re, unita al flop in Champions League, ha infatti messo in croce l'ex guida tecnica dell'Athletic Bilbao che ora rischia seriamente l'esonero. "Quando perdi in questo club l'allenatore è sempre responsabile", ha amaramente ammesso Valverde dopo la sfida persa con il Valencia.

La decisione di Bartomeu

Uno sfogo di cui ora dovrà tener conto la società catalana: attesa nei prossimi giorni dalla riunione per prendere la decisione sul futuro del tecnico. Come riferito dai giornali catalani, la dirigenza del Barcellona non pare più convinta delle qualità dell'allenatore: soprattutto della sua capacità di scuotere e risollevare la squadra nei momenti difficili. Nonostante i giocatori siano tutti dalla parte di Valverde, e nonostante la vittoria nella Liga, il patron Josep Maria Bartomeu potrebbe anche decidere di sollevare dall'incarico il mister (e insieme a lui il direttore sportivo Pep Segura) e di affidare il compito di allenare Messi e compagni ad un altro allenatore.

Anche Allegri in corsa per la panchina

Secondo la stampa, i quattro profili che sarebbero già stati presi in esame dal numero uno blaugrana sarebbero Erik Ten Haag, che in Spagna ritroverebbe De Jong e forse anche De Ligt, Ronald Koeman, oggi commissario tecnico dell'Olanda e ieri colonna della difesa del Barcellona, Robert Martinez, ct del Belgio con esperienza nella Premier, e il "disoccupato" Laurent Blanc: anch'egli con un passato da calciatore al "Camp Nou". Oltre a questi "fantastici quattro", in corsa per la panchina del Barcellona potrebbero inoltre rientrare anche Unai Emery, ora all'Arsenal, e lo stesso Massimiliano Allegri: lasciato libero dalla Juventus e già nel mirino dei catalani ancor prima del suo addio all'Allianz Stadium.