Dopo giorni di indiscrezioni e di voci più o meno fondate sul futuro della panchina del Barcellona, il presidente Josep Maria Bartomeu ha finalmente preso una decisione: Ernesto Valverde rimane al suo posto. Niente esonero dunque per il 55enne ex Athletic Bilbao, messo sotto accusa da stampa e tifosi per l'eliminazione in Champions League e la finale di Coppa del Re recentemente persa con il Valencia.

Come confermato da "Mundo Deportivo" e "Sport", due quotidiani molto vicini all'ambiente blaugrana, il tecnico rimarrà dunque alla guida della squadra e lo farà insieme al direttore sportivo Pep Segura: anche lui finito nel mirino della critica per la stagione dei catalani. Sulla decisione di Bartomeu, sempre secondo i media spagnoli, avrebbe avuto un peso non indifferente l'opinione di Messi e compagni: decisi ad andare avanti con questo allenatore.

Le parole del presidente

"Io credo che Valverde non abbia colpe per questa sconfitta – aveva dichiarato il patron del Barcellona, al termine della partita con il Valencia – Stagione fallimentare? Direi di no, abbiamo vinto il campionato, siamo arrivati in finale di Coppa del Re e alle semifinali di Champions. In totale abbiamo perso solo 2 partite. Il mercato? Ogni anno arrivano giocatori importanti, abbiamo già preso De Jong e non sarà l’unico acquisto".

"Voglio ringraziare i nostri tifosi che ci hanno sempre sostenuto – ha concluso il numero uno della società – In questa stagione abbiamo comunque vinto un titolo e così continueremo a lavorare per far meglio nel futuro". Nella prossima stagione, il Barcellona ripartirà dunque dallo stesso allenatore e da una squadra ancor più forte grazie all'innesto di nuovi campioni. Uno di questi dovrebbe essere Antoine Griezmann: in uscita dall'Atletico Madrid e pronto a vestire la maglia blaugrana per vincere Liga e Champions League