Il rigore sbagliato da Mauro Icardi e le parate di Samir Handanovic sono gli ultimi fotogrammi della vittoria stentata dell'Inter sull'Empoli. Toscani retrocessi in B, nerazzurri in Champions per il rotto della cuffia grazie alle prodezze dell'estremo difensore. Un tesoretto di oltre 40 milioni nelle mani del numero uno sloveno che ha rimediato (anche) all'errore commesso dal dischetto dall'argentino. Modo peggiore per terminare la stagione non poteva esserci per l'attaccante che ha rischiato di portare sulle proprie spalle tutto il peso del fallimento per il tiro battuto male dagli undici metri.

Succede di sbagliare un rigore, a chi ha i coglioni di batterlo succede – ha ammesso giustificando così l'errore che ha rischiato di essere fatale -. Anch'io sul rigore ho detto una parolaccia comunque, se un rigore non entra nessuno gli dice bravo. Abbiamo raggiunto quello che volevamo, basta, ora si ricomincia la prossima stagione. Una partita con tante emozioni, essere interista ti fa sapere che il cuore funziona benissimo. Mauro è uno che è freddo, ma capita anche a Messi e Ronaldo di sbagliare. Ha fatto anche altri due rigori pesantissimi dopo tutto quello che è successo.

Per fortuna Nainggolan (raddoppio) e gli interventi del portiere hanno evitato il disastro della mancata qualificazione alla prossima edizione della Champions. In diretta tv, nel corso della trasmissione ‘Tiki Taka', Wanda Nara – moglie e agente della punta interista – ha preso le difese del calciatore poi lo ha fatto anche pubblicando un post su Instagram.

A volte non basta un gol al Barcellona, al Tottenham, 3 gol nel derby, 124 gol a 26 anni – si legge nel messaggio pubblicato sui social network -. A volte nessuno si rende conto di chi gioca con dolore. A volte il Calcio ti mette a dura prova. Ma per me e per noi l'unica cosa che conta e' l'orgoglio di sapere che sei un grandissimo uomo prima di essere un grandissimo giocatore. Sempre fieri di te e di vedere i tuoi occhi illuminati giocando per la squadra che ami.