La corsa dell'Inter si ferma a Bologna. I nerazzurri al Dall'Ara non vanno oltre l'1-1 dopo essere passati in svantaggio a causa di un gran goal di Simone Verdi, vero protagonista di questa gara, ma trovano il pareggio con Mauro Icardi nella ripresa. Pareggio giusto per quanto visto in campo ma l'Inter non fa una bella figura a Bologna perché la squadra sembra troppo lenta e poco disposta a lottare su tutti i palloni per portare a casa la vittoria.

L'ingresso di Eder ha portato ad un cambio di modulo che ha visto tutta la squadra salire di qualche metro dopo la sofferenza del primo tempo ad uscire dalla propria metà campo in maniera pulita. Grande prestazione del Bologna che, così come successo contro il Napoli, non può tenere lo stesso ritmo per tutta la gara e paga qualcosa nel secondo tempo dopo una prima frazione impeccabile.

C'è solo il Bologna, Inter annichilita.

Il Bologna parte molto bene e costringe i nerazzurri a difendersi con la linea difensiva molto bassa: il pressing dei ragazzi di Donadoni non permette alla squadra di Spalletti di uscire "palla a terra" e Verdi fa impazzire i terzini nerazzurri andando vicinissimo al goal in due occasioni. L'Inter soffre parecchio la velocità degli esterni offensivi rossoblù e non riesce a trovare le giuste contromisure. Al 33′ arriva la meritata rete del vantaggio per il Bologna: Verdi riceve palla nel cerchio di centrocampo, resiste alla carica di Vecino, e dopo una buona conduzione del pallone lascia partire un grande tiro di sinistro dal limite dell'area su cui Handanovic non può nulla. La squadra di Donadoni non si abbassa di un metro, va su tutti gli uomini fino al limite dell'area avversaria e l'Inter ha difficoltà a creare gioco e palle goal per recuperare il risultato.

Ci pensa sempre Icardi.

L'Inter non cambia passo e Spalletti inserisce Eder per Joao Mario, davvero poco incisivo questa sera. I nerazzurri riescono ad alzare il baricentro della squadra e la pressione sul Bologna riesce ad essere maggiore ma Mirante non viene impegnato molto, se togliamo un colpo di testa ravvicinato di Miranda e un tiro di Skriniar dal limite.

Dopo una fase di stallo, Candreva, al primo cross decente della gara, serve Eder che viene messo giù da Mbayè con un intervento scomposto: Mariani e Vuoto, gli assistenti dell'arbitro Di Bello al VAR, valutano l'intervento da rigore e si presenta sul dischetto Mauro Icardi. Il numero 9 dell'Inter non sbaglia e insacca la sesta rete in cinque gare di campionato.

Viva Verdi!

Ogni qualvolta sentiamo agenti e procuratori parlarci di esterni di qualità stranieri dovremmo postare loro una VHS, o un video su YouTube, di Simone Verdi. Questo ragazzo del 1992 ha qualità, calcia con entrambi i piedi e sembra essere pronto per il grande salto. In tribuna al Dall'Ara c'era il commissario tecnico della Nazionale, Giampiero Ventura, che lo ha fatto esordire nel Toro in Serie B e lo tiene d'occhio da molto tempo. Lo vedremo tra i convocati per le gare di ottobre dell'Italia e, perché no, ai Play-off per il Mondiale?