La sconfitta nella finale di Champions League è una ferita ancora aperta per Mauricio Pochettino. A pochi giorni dal debutto nell'international Champions Cup del suo Tottenham, il tecnico argentino è tornato a parlare della partita contro il Liverpool: una sfida che avrebbe potuto anche cambiare la sua carriera: "Con un risultato diverso avrei anche potuto lasciare il club – ha ammesso il manager degli Spurs, in un'intervista rilasciata a Sky Sports – Avrei potuto lasciare la società e dargli la possibilità di cominciare un nuovo capitolo con un nuovo allenatore".

"Quando arrivi a toccare la gloria, a raggiungerla, ti senti diverso da prima. I calciatori si sentono diversi. La sfida stessa diventa diversa. Dopo la finale ho però sentito che non poteva finire così, che non era il modo migliore per concludere questa storia – ha aggiunto – Non sono una persona che evita di affrontare i problemi o le situazioni difficili. Amo le grandi sfide, e naturalmente quella di ripartire con una nuova mentalità, per provare a ripetere una stagione simile, mi emoziona e motiva moltissimo".

L'addio di Trippier

Una dichiarazione che di fatto conferma il contatto con la Juventus: squadra che, scherzo del destino, si troverà ad incrociare nell'amichevole di lusso per l'ICC 2019. Al "Singapore National Stadium", per il match del prossimo 21 luglio, Pochettino dovrà però fare a meno di alcuni giocatori: tra questi anche Kieran Trippier, passato nei giorni scorsi all'Atletico Madrid: "È stata sua una decisione e me l'ha comunicata il giorno precedente alla nostra partenza per la tournée asiatica. Amava essere un calciatore del Tottenham ed era felice di lavorare con noi, ma a 28-29 anni un calciatore ha bisogno di nuove sfide".

"La decisione è stata presa dal club e dal singolo giocatore, io difficilmente vengo coinvolto in questi discorsi. A decidere è il club, che deve fare ciò che ritiene giusto ascoltando però anche il giocatore – ha concluso Pochettino – Io ho detto al presidente che sarò felice della squadra che mi metterà a disposizione. Sono felice e ho tutta l'intenzione di esserlo anche in futuro".