L'osservatorio sui gol dall'attribuzione discussa non smette mai di lavorare e anche questa settimana, in chiave fantacalcio (per le pagelle degli anticipi vi rimandiamo qui), non sono mancati gli episodi da passare al setaccio. Il lavoro più significativo è arrivato da Torino-Bologna, dove le situazioni da analizzare sono due: una in apertura e l'altra in chiusura di match. Stiamo parlando del gol del momentaneo 1-0 del Torino e di quello del definitivo 2-3 sempre di marca granata. In soldoni: gol di Ansaldi o autogol di Pulgar? Gol di Izzo o autogol di Skorupski?

Anticipiamo subito la risposta: nel primo caso si tratta di autorete, nel secondo no. Ma procediamo con ordine e con la spiegazione nel dettaglio delle fattispecie intervenute. Nel caso del momentaneo 1-0, Ansaldi calcia di prima intenzione verso la porta, la palla è indirizzata nell'angolo alla destra di Skorupski, che è sulla traiettoria, ma quando sembra che il tiro possa terminare la sua corsa tra le braccia del portiere emiliano, ecco intervenire la deviazione decisiva di Pulgar che modifica in maniera decisiva l'esito della conclusione. Autogol e -2 per il centrocampista che poi si rifa siglando il rigore dell'1-2.

 

Molto più lineare l'episodio che ha coinvolto Izzo. Sugli sviluppi di un calcio d'angolo, il difensore è abile a farsi trovare sul palo più lontano e a colpire di testa di prima intenzione. Anche in questo caso Skorupski è sulla traiettoria, ma cicca la presa con la palla che si trasforma in una saponetta terminando la sua corsa in fondo alla rete, lì dov'era stata indirizzata dal difensore. Gol solare e +3 per Izzo che corrobora una prestazione di squadra non proprio positiva. Per il portiere, invece, nessun ulteriore aggravio rispetto al -2 patito per le due reti subite (in caso di autogol sarebbe stato -4 complessivo).