Tempi duri per le stelle del calcio in Spagna e in particolare a Madrid. Si allunga la lista dei protagonisti dello sport più bello del mondo vittime di rapine nella loro abitazione. Dopo il terribile caso della moglie dell'attaccante dell'Atletico Madrid Alvaro Morata, Alice Campello,  rapinata in casa da uomini a mano armata, è toccato a Isco e Zidane trovare una brutta sorpresa. Le case dell'allenatore e del trequartista del Real Madrid sono state prese d'assalto, durante la loro assenza, da malviventi che sono riusciti a fuggire con un ricco bottino.

Isco e Zidane, ladri svaligiano le case del trequartista e dell'allenatore del Real

Un'altra brutta storia vede coinvolte due stelle del calcio spagnolo, ovvero l'allenatore del Real Madrid Zinedine Zidane e uno dei suoi giocatori, il trequartista Isco. Secondo quanto raccontato nel corso del programma sportivo Jugones, le abitazioni dei due protagonisti merengues sono state oggetto di due distinte rapine. I malviventi approfittando dell'assenza di Zizou e dell'ex Malaga avrebbero ripulito tutto, riuscendo poi a fuggire con un ricco bottino. Per gli agenti della polizia locale si tratta di un'opera di veri e propri professionisti che hanno infatti lasciato pochissime tracce muovendosi con grande esperienza

Il caso della rapina a mano armata alla moglie di Morata Alice Campello

Si allunga dunque la lista delle stelle del calcio spagnolo protagoniste di tentativi di rapina. L'ultimo caso, il peggiore, è quello che nei giorni scorsi ha visto come vittima la moglie di Alvaro Morata, Alice Campello. Malviventi incappucciati e a mano armata si sono introdotti nell'abitazione del centravanti dell'Atletico e hanno preso beni di lusso, e denaro, riuscendo poi a fuggire indisturbati. Un vero e proprio shock per la signora Morata che si è detta "sconvolta e impaurita"

Le indicazioni del Real Madrid per la sicurezza dei propri giocatori

Il Real Madrid su indicazione della polizia (anche Benzema era stato vittima di una furto in casa) avrebbe deciso di comunicare a tutti i suoi tesserati una serie di indicazioni per evitare il riproporsi di episodi del genere. In primis è stata richiesta una maggiore discrezione sui social network: spesso e volentieri infatti i calciatori raccontano sul web le loro attività, dimostrando di essere così lontani da casa. Una situazione congeniale per i malviventi che possono entrare nelle loro abitazioni indisturbati