Nelle ultime notizie di calciomercato della sessione di trattative invernale c'è l'accordo tra l'Udinese e il Kasimpasa per Simone Scuffet. Intesa totale tra i due club per il trasferimento in terra turca del giovane estremo difensore, pronto per una nuova avventura professionale. Mancava solo l'ufficialità – arrivata nelle ultime ore – e poi Scuffet potrà considerarsi a tutti gli effetti il portiere del Kasimpasa che ha deciso di puntare su di lui (formula del prestito secco) fino alla fine della stagione.

Simone Scuffet al Kasimpasa, le ultime notizie di calciomercato

Le ultime indiscrezioni di calciomercato, riportate da Sky, raccontano della chiusura dell'operazione per il trasferimento di Simone Scuffet al Kasimpasa. Il club turco ha trovato l'accordo totale con l'Udinese, e il portiere classe 1996 che si trova a Istanbul dove potrà dare inizio ad una nuova avventura professionale. Ad attenderlo dunque c'è il club che milita in Super Lig, ovvero il massimo campionato turco, in piena lotta per la qualificazione alla Champions League.

Udinese, i dettagli dell'operazione di mercato Scuffet-Kasimpasa

Simone Scuffet dunque lascia l'Udinese per trasferirsi in Turchia. Nota la formula dell'operazione di calciomercato: il giovane estremo difensore approda al Kasimpasa in prestito secco fino al termine della stagione. Un'occasione importante per giocare con continuità, situazione che già da tempo non si concretizza in bianconero. Dopo essere partito dal 1′ nella fase iniziale della Serie A, Scuffet nelle gerarchie di Velazquez prima e Nicola dopo, è stato scavalcato da Musso.

Scuffet, prima esperienza all'estero dopo il no all'Atletico Madrid

Quella al Kasimpasa è la prima avventura all'estero per Simone Scuffet. Una scelta curiosa quella del portiere che, eccezion fatta per un prestito al Como, ha sempre giocato in Friuli. E pensare che in passato, il numero uno considerato uno dei talenti più cristallini del palcoscenico calcistico italiano, si rese protagonista di un no all'Atletico Madrid (e anche al Milan). Il motivo? La voglia di continuare a crescere nella sua terra, con la sua gente, senza correre il rischio di bruciarsi. Adesso però le cose sono cambiate e Scuffet vuole giocare con continuità, con la speranza di un rilancio in Turchia.