Godin sta bene, ora si allenerà e domani giocherà. Cristiano Ronaldo sarà il pericolo numero uno, ma occhio anche a Mario Manduzkic. Sono fortissimi e pronti alla battaglia, con gente importante. Bernardeschi, Dybala, Douglas, chiunque giochi con Mandzukic e Ronaldo sicuramente ci obbligherà a grande attenzione".

Diego Pablo Simeone rompe ogni dubbio e conferma che Diego Godin sarà presente nella gara di ritorno degli ottavi di Champions League con la Juventus. A poco più di 24 ore dalla gara dell'Allianz Stadium il Cholo ha fatto capire che c'è rispetto per l'avversario ma nessun timore del clima che ci sarà nello stadio bianconero. Il 2-0 dell'andata è un vantaggio importante ma l'Atletico Madrid è consapevole che la squadra bianconera le proverà per provare a ribaltare la situazione e il tecnico lo ha fatto capire durante la conferenza stampa pre-gara:

Non ha senso parlare di favoriti a questi livelli. Noi giocheremo come sappiamo fare, non vi svelo i dettagli. Usciranno articoli in tutto il mondo su come abbiamo giocato e su che cosa abbiamo fatto, e dobbiamo avere il massimo rispetto per chi ci guarda.

 

Simeone si è soffermato sul modo di affrontare questi doppi confronti ad eliminazione diretta e su come si provano a organizzare le gare e le situazioni di gioco:

Io credo che quando si tratta di eliminatorie come questa con due avversarie così importanti è come se si giocasse in due tempi. L'andata è un momento, il ritorno l'altro. Ognuno cerca di organizzarsi meglio in casa propria, e poi si può parlare di dettagli non spiegabili. Il calcio è fantastico per quello.

A chi gli chiede se l'Atletico dovesse usciere e parla di fallimento risponde così: "Ripeto, sono due partite. Sono squadre forti, una passerà e l'altra no. Dovremo approfittare dello spazio a disposizione, sicuramente sarà meno di quello dell'andata.

Simeone: Assenze importanti. Morata ci darà soluzioni

L'allenatore dei colchoneros ha parlato delle assenze a cui dovrà ovviare a Torino, visto che mancheranno Felipe Luis, Thomas, Diego Costa e Lucas Hernandez:"Mi mancheranno tutti gli assenti e sto cercando di decidere chi far giocare in modo che la squadra funzioni al meglio. Farò il meglio con quelli a disposizione". Infine Simeone ha parlato di quanto potrà essere importante Morata:

Lui, come tutti gli attaccanti del mondo, è importante. Dà soluzioni per la squadra, sostiene il gioco e dovrà sfruttare gli spazi che una squadra che attacca molto può lasciare in difesa. Cercheremo di giocare la miglior partita perché lui possa giocare meglio.

Koke: Dobbiamo stare attenti. Juve grandissima squadra

Con il tecnico argentino c'era in conferenza anche il centrocampista Koke, uomo di fiducia del Cholo e simbolo dell'Atletico Madrid:

Partiamo da un risultato buono. Ma dobbiamo stare attenti, soprattutto attenti a noi stessi. Giochiamo contro una grandissima squadra e dovremo partire con grande intensità. Saremo attenti e umili. In Champions, lo sappiamo anche per diretta esperienza, può succedere di tutto e dobbiamo essere pronti, dal primo all'ultimo secondo.

Infine il calciatore spagnolo ha fatto capire che l'Atletico non dovrà sbagliare nulla perché in gare del genere ci vuole determinazione e attenzione:

Nel modo che sappiamo, come si deve fare sempre in gare così difficili e delicate. Giocheremo in uno stadio stracolmo di gente e di tifo. Siamo carichi e determinati. E comunque in campo saremo undici contro undici.