Kalidou Koulibaly era ovunque al San Paolo, prima durante e dopo Napoli-Bologna. Il difensore squalificato e assente sul terreno di gioco nell'ultimo match degli azzurri, ha ricevuto la solidarietà di tifosi e compagni di squadra dopo gli ululati razzisti incassati in occasione del match di San Siro contro l'Inter. Maschere con il suo volto, striscioni, cori, maglie e anche l'esultanza dedica di Mertens per il gigante senegalese che su Instagram ha ringraziato tutti, per quelle che ha definito come "emozioni che resteranno sempre nel cuore". 

https://www.instagram.com/p/Br_OYtklrJ–/
in foto: https://www.instagram.com/p/Br_OYtklrJ–/

#siamotuttikalidou, tifosi e compagni vicini a Koulibaly in Napoli-Bologna

Napoli-Bologna è stata una partita speciale per Kalidou Koulibaly. Il difensore assente causa squalifica dopo l'espulsione rimediata nel match contro l'Inter ha ricevuto la solidarietà del San Paolo per i beceri ululati razzisti incassati a Milano. In tantissimi si sono presentati sugli spalti con la maschera del senegalese, per l'iniziativa ribattezzata #siamotuttikalidou. Se Ghoulam ha poi effettuato il riscaldamento con indosso la maglia di Koulibaly, Mertens ha dedicato al compagno il gol con un'esultanza davanti alla telecamera.

Kalidou Koulibaly e il messaggio su Instagram dopo Napoli-Bologna

Emozioni uniche per Koulibaly che se prima del match ha incoraggiato i compagni con un messaggio breve ma incisivo "Forza ragazzi", nel post-partita ha raccontato su Instagram la sua serata particolare. Il difensore sul popolare social network ha postato alcune foto di quanto accaduto sugli spalti del San Paolo, con le maschere, gli striscioni e le attenzione dedicategli dai suoi tifosi e la foto di rito della squadra in posa prima del fischio finale. Il tutto accompagnato da questa didascalia: "Le emozioni di questa giornata e di questa vittoria resteranno per sempre nel mio cuore, grazie". E non mancano anche gli hashtag particolari #KK26 #famiglia #DifendoLaCittà, per un difensore che grazie al San Paolo ha allontanato il ricordo di quanto avvenuto al meazza