Ormai ci siamo. Manca soltanto un giorno all’inizio della Serie A 2019/2020 che prenderà ufficialmente il via domani, sabato 24 agosto, alle ore 18 con l’anticipo del Tardini tra il Parma di Roberto D’Aversa e i campioni d’Italia della Juventus alla prima ufficiale dell’era Sarri (che non sarà però in panchina a causa di una polmonite). Il mercato rimarrà ancora aperto fino alle 20 del 2 settembre data in cui non si potranno più effettuare acquisti, dopo questo turno d’avvio dunque ci sarà ancora la possibilità per poter modificare le rose a disposizione degli allenatori. In questo week end quindi le 20 società potranno trarre preziosi indicazioni in vista dell’ultima settimana di calciomercato, andiamo a vedere dunque come arrivano alla prima di campionato le 20 squadre di Serie A.

Le probabili formazioni della 1a giornata di Serie A

Parma-Juventus

Prima in casa contro la Juventus campione d’Italia per il Parma di Roberto D’Aversa, non certo un inizio semplicissimo. In questo debutto il tecnico ducale potrebbe accantonare temporaneamente il solito 4-3-3, virando su un più prudente 4-4-2. Il sacrificato in attacco sarebbe, nel caso, il nuovo acquisto Karamoh. A centrocampo invece con Kucka non al meglio, potrebbero trovare spazio dal primo minuto sia Grassi che Brugman che andrebbero così a completare la linea mediana insieme a Barillà e all’altro fiore all’occhiello di questa campagna acquisti gialloblu, ossia il brasiliano Hernani.

Dall’altro lato Maurizio Sarri (che come detto non sarà in panchina a causa di una polmonite) è pronto a proporre un attacco guidato da Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala che, dopo le diverse trattative per la sua cessione, sembra aver convinto la società bianconera a puntare anche quest’anno su di lui. Per la terza maglia ballottaggio Bernardeschi – Douglas Costa con il brasiliano leggermente favorito. Tra i nuovi acquisti, spazio all’ex Manchester City Danilo sulla corsia destra e al francese Rabiot in mezzo. Probabile panchina invece sia per de Ligt che per Ramsey con Bonucci e Khedira che dovrebbero partire titolari.

  • Parma (4-3-3) Sepe; Laurini, Bruno Alves, Iacoponi, Gagliolo; Hernani, Kucka, Barillà; Karamoh, Inglese, Gervinho.
  • Juventus (4-3-3) Szczesny; Danilo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Rabiot; Douglas Costa, Dybala, Ronaldo.

Fiorentina-Napoli

Subito un incrocio interessante nella prima giornata di Serie A, Fiorentina e Napoli si sfidano allo stadio Artemio Franchi e la gara promette spettacolo. I viola di Montella sulle ali dell’entusiasmo dopo l’arrivo di Franck Ribery (l'ex Bayern è convocabile ma in conferenza ha detto di non essere ancora pronto per scendere in campo), gli azzurri di Ancelotti che potranno disporre dei nuovi acquisti Manolas e Di Lorenzo ma non del messicano Lozano (che dovrà tornare temporaneamente in Olanda per questioni burocratiche) puntano a insidiare la Juventus per la corsa al titolo. Dovrebbe partire dalla panchina invece l’acciaccato Milik, al suo posto il belga Dries Mertens.

  • Fiorentina (4-3-3) Dragowski; Lirola, Milenkovic, Pezzella, Terzic; Pulgar, Badelj, Benassi; Chiesa, Boateng, Sottil.
  • Napoli (4-2-3-1) Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Zielinski; Callejon, Fabian Ruiz, Insigne; Mertens

Udinese-Milan

Esordio casalingo contro il nuovo Milan di Marco Giampaolo per l’Udinese di Igor Tudor. Per questo debutto il tecnico dei friulani sembra orientato a riproporre il 3-5-2 che nelle ultime giornate dello scorso campionato gli permise di raggiungere la salvezza. Tra i nuovi acquisti dovrebbero trovare spazio dal primo minuti solo il difensore brasiliano Becao e il regista Jajalo, panchina invece per Nestorovski dietro nelle gerarchie rispetto a Lasagna. Pussetto potrebbe invece coprire la corsia sinistra. Di contro il nuovo Milan di Giampaolo sarà molto simile al vecchio in questa prima giornata: con Theo Hernandez ai box per infortunio, Duarte e Leao che devono ancora registrare schemi e movimenti e Bennacer che si è aggregato tardi al gruppo a causa dell’impegno in Coppa d’Africa e che potrebbe, con Krunic, partire dalla panchina, il nuovo allenatore rossonero potrebbe non schierare titolare nessuno dei nuovi acquisti alla Dacia Arena.

  • Udinese (3-5-2) Musso, Becao, Troost-Ekong, Samir; Larsen, Fofana, Jajalo, Mandragora, Pussetto; De Paul, Lasagna.
  • Milan (4-3-1-2) Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Biglia, Calhanoglu; Suso; Piatek, Castillejo.

Cagliari-Brescia

Il nuovo Cagliari del figliol prodigo Radja Nainggolan (che sarà della partita) affronterà alla Sardegna Arena il neopromosso Brescia dell’altro figliol prodigo Mario Balotelli (che non potrà scendere in campo causa squalifica che lo terrà ai box per ben 4 giornate). Quattro indisponibili per Rolando Maran, compreso l’estremo difensore Cragno. In porta quindi spazio a Rafael. A sinistra è già pronto Pellegrini mentre in mediana Ionita prenderà il posto dello squalificato Rog. In avanti pochi dubbi: ci saranno Joao Pedro e Pavoletti. Pochi dubbi anche per Eugenio Corini che causa squalifica di SuperMario riproporrà l'attacco dello scorso anno con Torregrossa al fianco di Donnarumma. In difesa sicuro l’esordio del nuovo acquisto Magnani, mentre l'altro posto se lo contendono Cistana e Chancellor.

  • Cagliari (4-3-1-2) Rafael; Pisacane, Ceppitelli, Klavan, Pellegrini; Ionita, Nainggolan, Nandez; Birsa; Joao Pedro, Pavoletti
  • Brescia (4-3-1-2) Joronen; Sabelli, Magnani, Cistana, Martella; Bisoli, Tonali, Zmrhal; Spalek; Torregrossa, Donnarumma

Roma-Genoa

La nuova Roma targata Paulo Fonseca inizia il suo cammino ospitando il Genoa della vecchia conoscenza Aurelio Andeazzoli: in difesa fiducia a Juan Jesus con il nuovo arrivato Mancini che potrebbe rimandare il proprio debutto in campionato. Per la diga di centrocampo ci si dovrebbe affidare al duo CristantePellegrini mentre Veretout alle prese con un fastidio muscolare potrebbe partire dalla panchina. Davanti il solito Dzeko. Spinazzola fermo causa infortunio mentre per vedere all’opera l’ultimo arrivato Zappacosta servirà ancora del tempo. L’ex Andreazzoli invece sembra orientato ad iniziare la sua avventura in rossoblù con un 3-5-2 che vedrà in attacco la “baby-coppia” PinamontiKouamé. A destra favorito Ghiglione mentre in difesa ci saranno Zapata, Romero e Criscito. Esordio dal primo minuto per l’ex Ajax Schone.

  • Roma (4-2-3-1) Pau Lopez; Florenzi, Fazio, Juan Jesus, Kolarov; Cristante, Pellegrini; Under, Zaniolo, Perotti; Dzeko
  • Genoa (3-5-2) Radu; Romero, Zapata, Criscito; Ghiglione, Lerager, Schone, Radovanovic, Barreca; Pinamonti, Kouamé

Sampdoria-Lazio

Eusebio Di Francesco comincia la sua avventura sulla panchina blucerchiata a Marassi contro la Lazio ripartendo dal quello che è il modulo che fino ad oggi gli ha dato maggiori soddisfazioni, ossia il 4-3-3. Nel tridente offensivo del tecnico abruzzese certa la presenza di Caprari e Quagliarella, ballottaggio GabbiadiniGaston Ramirez invece per la terza maglia da titolare. Incerta la disponibilità di Jankto che si è allenato a parte ma le sue condizioni non preoccupano. Non saranno del match invece i nuovi acquisti Depaoli (squalificato) e Maroni (indisponibile). Simone Inzaghi dal canto suo potrebbe recuperare Manuel Lazzari che è tornato ad allenarsi con la squadra mentre potrebbe partire dalla panchina Sergej Milikovic-Savic che non è al meglio per una botta rimediata in amichevole. Esordio dal primo minuto per il gigante Vavro, mentre lo spagnolo Jony non è ancora arruolabile.

  • Sampdoria (4-3-3) Audero; Bereszynski, Colley, Murillo, Murru; Jankto, Ekdal, Linetty; Gabbiadini, Quagliarella, Caprari
  • Lazio (3-4-1-2) Strakosha; Vavro, Acerbi, Bastos; Lazzari, Lucas Leiva, Parolo, Lulic; Luis Alberto; Correa, Immobile

Spal-Atalanta

Corsie laterali iperoffensive con D'Alessandro a destra e Di Francesco a sinistra, porta affidata a Berisha e tante vecchie conoscenze a completare l’undici di partenza. Inizia così la stagione della Spal di Leonardo Semplici che al “Mazza” ospiterà l'Atalanta di Gian Piero Gasperini. Al momento un solo dubbio per il tecnico spallino: chi tra Floccari, Moncini e Paloschi affiancherà l’intoccabile Andrea Petagna in attacco. Per l'esordio stagionale in campionato, invece gli orobici dovranno fare a meno dello squalificato Ilicic e dell’infortunato Gosens. Duvan Zapata sarà titolare, al suo fianco uno dei nuovi arrivati Luis Muriel o Malinovskyi. In difesa possibile l’esordio dal primo minuto per Martin Skrtel favorito su Djimsiti.

  • Spal (3-5-2) Berisha; Cionek, Vicari, Felipe; D’Alessandro, Murgia, Missiroli, Kurtic, Di Francesco; Petagna, Floccari
  • Atalanta (3-4-1-2) Gollini; Toloi, Skrtel, Palomino; Hateboer, de Roon, Freuler, Gosens; Gomez; Muriel, Zapata.

Torino-Sassuolo

C'è il Sassuolo in mezzo al doppio confronto del playoff di accesso all’Europa League contro il Wolverhampton. Solitamente per la prima giornata si scelgono i titolari più sicuri ma in questo caso Mazzarri potrebbe optare per un piccolo turnover dato lo sforzo fatto nella gara d'andata contro gli inglesi (che si sono imposti per 3-2 allo Stadio Olimpico “Grande Torino”). Berenguer, Djidji, Lukic e Ola Aina i principali indiziati a far rifiatare i compagni in vista dell’importante gara da dentro o fuori di giovedì prossimo. Dall’altra parte Roberto De Zerbi deve invece fare i conti con diverse assenze: Duncan in forse, Magnanelli e Berardi ai box causa squalifica. Probabile esordio per gli ex Empoli Traoré e Caputo. In difesa chance per Gravillon mentre a destra spazio all’ex Borussia Dortmund Toljan.

  • Torino (3-4-1-2) Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; De Silvestri, Meité, Baselli, Ansaldi; Berenguer; Belotti, Zaza
  • Sassuolo (4-3-3) Consigli; Toljan, Marlon, Ferrari, Rogerio; Locatelli, Obiang, Traore; Brignola, Caputo, Boga

Verona-Bologna

La corsa del Bologna di Sinisa Mihajlovic partirà invece da Verona. I felsinei saranno infatti ospiti dell’Hellas di Ivan Juric che per questa prima di campionato dovrà fare a meno di Badu, Di Carmine e Bocchetti. Pronti ad esordire dal primo minuto invece i nuovi acquisti Rrahmani, Gunter, Adjapong, Veloso, Lazovic e Verre. Sul fronte emiliano invece C'è il solo Schouten in dubbio per la sfida del Bentegodi. I maggiori dubbi di formazione riguardano l'attacco con Palacio pronto ma con Destro che è ancora testa a testa col compagno. In difesa il neoacquisto Tomiyasu più di Mbaye. Iniziale panchina per il talentino danese Skov Olsen.

  • Verona (3-4-2-1) Silvestri; Rrahmani, Gunter, Empereur; Adjapong, Henderson, Veloso, Lazovic; Zaccagni, Verre; Tupta
  • Bologna (4-2-3-1) Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Denswil, Dijks; Poli, Kingsley; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio.

Inter-Lecce

Prima giornata che si concluderà con il posticipo del lunedì sera del Meazza di Milano dove la nuova Inter di Antonio Conte ospiterà la neopromossa Lecce guidata da Fabio Liverani. L’ex ct della Nazionale pare intenzionato a proporre un classico 3-5-2 con D’Ambrosio nella linea difensiva in luogo dell’ancora convalescente Godin. Con Barella e Lazaro che dovrebbero iniziare dalla panchina, i nuovi acquisti schierati dal primo minuto dovrebbero essere la mezzala Stefano Sensi e il centravanti Romelu Lukaku che farà coppia con l’argentino Lautaro Martinez. Per i salentini invece i dubbi riguardano le condizioni degli acciaccati Rossettini e Shakov. In avanti invece spazio alla coppia di nuovi acquisti FariasLapadula.

  • Inter (3-5-2) Handanovic; D’Ambrosio, de Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino, Brozovic, Sensi, Asamoah; Lautaro, Lukaku
  • Lecce (4-3-1-2) Gabriel; Rispoli, Rossettini, Lucioni, Dell’Orco; Petriccione, Tachtsidis, Majer; Falco; Farias, Lapadula