Girandola di gol ed emozioni nell'amichevole di lusso tra Roma e Real Madrid. A portarsi a casa la Mabel Green Cup sono giallorossi che hanno la meglio delle merengues dopo la lotteria dei rigori (decisivo l'errore dal dischetto di Marcelo). Pareggio per 2-2 invece al termine dei tempi regolamentari con tutte le reti segnate nella prima frazione di gioco e con la Roma che in entrambe le occasioni (prima con Perotti e poi con Dzeko) ha rimontato il vantaggio degli spagnoli firmati da Marcelo prima e Casemiro (in netto fuorigioco) poi. Detto ciò andiamo a vedere cosa è successo allo Stadio Olimpico nella gara valida per la Mabel Green Cup 2019 tra la Roma di Paulo Fonseca e il Real Madrid di Zinedine Zidane.

Fuochi d'artificio all'Olimpico: Perotti e Dzeko rispondono a Marcelo e Casemiro

Pronti, via e all'Olimpico sono gli attacchi a prendere il sopravvento sulle rispettive difese avversarie (insolitamente a tre quella delle Merengues) con i due centravanti grandi protagonisti: da un lato il bosniaco Edin Dzeko che inaugura quella che potrebbe essere la sua ultima partita in maglia giallorossa con tre pregevoli assist non concretizzati poi da Lorenzo Pellegrini, Cengiz Under (che colpisce la traversa) e Alessandro Florenzi che invece trova pronto alla risposta Thibaut Courtois; dall'altro il bomber francese Karim Benzema che con le sue incursioni mette in difficoltà la retroguardia giallorossa: da una sua conclusione sporcata da Juan Jesus arriva la grande chance per Valverde ipnotizzato però da Pau Lopez (unico tra i nuovi acquisti schierati dal primo minuto da Fonseca).

Nel primo quarto d'ora di gioco è dunque la Roma a produrre di più ma dopo la buona parata di Courtois sul violento tiro al volo di Perotti, ma a sbloccare il match al 16′ è il Real Madrid che passa in vantaggio grazie al terzino Marcelo che imbeccato da Modric salta Florenzi e conclude a giro con il piede meno buono, il destro, non lasciando scampo all'estremo difensore romanista. Passati in svantaggio i capitolini trascinati dal solito Dzeko riprendono poi il controllo delle operazioni ma le ripetute conclusioni del bosniaco trovano sempre pronto il portiere belga in maglia blanca.

E così al 34′ i giallorossi trovano il meritato pareggio grazie a due dei tre alfieri del centravanti bosniaco: Nicolò Zaniolo si fa quaranta metri di campo palla al piede disorientando il mal capitato Casemiro e serve un pallone magnifico all'argentino Diego Perotti che da dentro l'area di rigore batte l'incolpevole Courtois.

Il pari non spegne però l'entusiasmo della Roma che continua ad attaccare e va più volte vicina al gol prima con Dzeko e poi con Cengiz Under. Le emozioni di questo primo tempo non accennano ad esaurirsi e così negli ultimi dieci minuti prima il Real Madrid si riporta in vantaggio con il colpo di testa di Casemiro (in fuorigioco sul cross di Marcelo) che sovrasta Kolarov e deposita alle spalle di Pau Lopez e poi i giallorossi trovano nuovamente il pari con il solito Dzeko che servito in area dal turco Under non lascia scampo al portiere delle Merengues.

Pau Lopez e Courtois mandano il match ai rigori

In avvio di ripresa Zinedine Zidane rivoluziona la sua squadra inserendo gli attaccanti Jovic e Vinicius al posto del difensore Nacho e del centrocampista Valverde passando ad un offensivissimo 4-2-4. La prime occasioni per le Merengues portano però la firma del solito Benzema che impegna Pau Lopez con due conclusioni a giro. L'assetto iperoffensivo delle due formazioni favorisce così lo spettacolo con le emozioni che si susseguono da una parte all'altra del campo senza che però nessuna delle due squadre che riesce però ad aumentare il proprio bottino di reti sia per l'imprecisione degli attaccanti che per la bravura dei due estremi difensori (ottima soprattutto la parata di Pau Lopez su Vinicius a dieci minuti dal termine del match). Per assegnare la Mabel Green Cup 2019 sono dunque decisivi i calci di rigore dove l'errore di Marcelo consegna il trofeo alla Roma.

Tabellino

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez 6.5; Florenzi 6 (dal 63′ Spinazzola 6.5), Fazio 6, Juan Jesus 5.5, Kolarov 6.5; Cristante 5.5, Pellegrini 6.5 (dal 62′ Diawara 6); Under 6.5, Zaniolo 7 (dal 76′ Antonucci sv), Perotti 6 (dal 67′ Kluivert 6); Dzeko 7 (dal 76′ Schick sv). All. Fonseca 6.5.

REAL MADRID (3-5-2): Courtois 6.5; Nacho 5 (dal 46′ Jovic 6), Varane 6.5, Militao 5.5; Carvajal 5.5 (dal 61′ Odriozola 6), Valverde 5 (dal 46′ Vinicius jr 6), Casemiro 5.5 (dal 61′ Kroos 6.5), Modric 6.5, Marcelo 7; Benzema 6.5 (dal 61′ Bale 6), Hazard 5.5 (dal 71′ Isco 6). All. Zidane.