Dopo i tragici fatti del maggio di tre anni fa, che portarono alla morte di Ciro Esposito, la sfida tra Roma e Napoli è purtroppo entrata nel fascicolo contenente tutti i match a rischio. Da quel maledetto giorno, infatti, i rapporti tra le due tifoserie sono sempre più tesi e, ogni volta che il calendario mette di fronte giallorossi e azzurri, le frizioni tra le due parti tornano a preoccupare le forze dell'ordine.

Come già capitato in passato, la trasferta dei tifosi campani è stata vietata ed è anche stata inizialmente presa in considerazione l'idea di anticipare la partita alle 18, per facilitare il compito di chi dovrà tenere sotto controllo le zone adiacenti all'impianto romano. Nella primo summit dedicato alla sfida tra Roma e Napoli, che si è svolto nelle scorse ore, è stato però confermato l'orario d'inizio (20.45) e l'apertura del settore ospiti dell'Olimpico.

Il piano sicurezza deciso dal Questore.

Davanti ai dirigenti della Polizia, il Questore di Roma Guido Marino ha infatti segnalato che alcuni tifosi del Napoli, potranno comunque trovare posto nello spicchio di Curva Nord a loro dedicata. Come deciso dal Questore, dunque, "ai tifosi del Napoli non residenti nella Regione Campania è stato riservato il settore ospiti dello stadio Olimpico – distinti nord lato Monte Mario, per una capienza totale di circa 4.000 posti"

"Per i tifosi ospiti – ha inoltre disposto la Questura – sono stati riservati gli itinerari di afflusso di via Salaria e via Flaminia, con aree di parcheggio a viale della XVII Olimpiade e vie limitrofe; il piano degli steward sarà implementato per effettuare rigorosi controlli sulla corrispondenza biglietto – identità del possessore, compresa la residenza. I primi controlli scatteranno già dal pomeriggio ai caselli autostradali e lungo le vie consolari che portano allo stadio".