Eusebio Di Francesco lavora con la sua Roma per preparare al meglio l'anticipo di sabato sera col Frosinone e nella conferenza che precede la sfida di campionato ha respinto al mittente le voci di mercato su un possibile arrivo di Maurizio Sarri sulla panchina giallorossa: "È un ambiente che destabilizza e riesce sempre a trovare qualcosa che non ha senso, come questa storia. Il mio referente è Monchi, tutto il resto sono chiacchiere". Dopo aver allontanato i rumors, il tecnico della squadra capitolina ha parlato della gara dello Stirpe, molto importante per la rincorsa ad un posto Champions League:

La partita più importante è la prossima, e la prossima è quella con il Frosinone. Abbiamo già dimostrato con il Bologna che prendendo la partita sottogamba si rischiano figuracce. L'approccio non si può sbagliare anche perché queste sono partite fondamentali. Non sarà una gara facile anche se noi dobbiamo vincere. Loro sono una squadra con una identità e un modo di pensare, ma sarà una partita differente da quella con il Bologna, sia per il sistema di gioco che per caratteristiche dei giocatori. Dobbiamo approcciare la partita con una testa diversa.

Sulla formazione: Ci sarà turnover, gioca DDR

Di Francesco si è soffermato sui singoli e ha dato qualche indizio sulla formazione che scenderà in campo contro la squadra di Marco Baroni:

De Rossi giocherà titolare. Oggi si allenerà con la squadra e sarà il nostro capitano. Il sistema di gioco è 3-5-2 a specchio col Frosinone. El Shaarawy, Perotti e Kluivert si giocano una maglia. Under non è pronto e non verrà convocato. Giocheranno alcuni dei diffidati, il concetto sempre sbagliato di questo ambiente è che si pensa sempre alle prossime partite. Farò un po' di turnover, qualcuno l'ho visto meno lucido.

Su Zaniolo: Potrebbe riposare

L'allenatore giallorosso si è pronunciato sulla possibilità di un turno di riposo per Nicolò Zaniolo ma non ha voluto dare nessun vantaggio agli avversari:

Potrebbe anche riposare, non diamo vantaggi a nessuno. Per l'età che ha, ha giocato tantissimo e ha ritmi altissimi, non possiamo pretendere che faccia tutte le partite a un determinato livello, domani è probabile parta dalla panchina. Zaniolo è un giocatore fisico e non deve stare a terra, poi è vero che in alcune occasioni non è stato tutelato. Lui ha molto impeto e ogni tanto è stato giustamente ammonito ma gli hanno anche fischiato pochi falli a favore. In alcuni casi gli avrebbero dovuto dare qualche fallo in più.

Su Pastore e Perotti

Infine Di Francesco ha parti anche di Javier Pastore e Diego Perotti:

Non sta giocando molto ma si sta allenando molto bene. Al momento faccio delle scelte dal punto di vista tecnico, ma sta facendo bene e si ferma anche più degli altri e domani si potrebbe rivedere. Perotti, invece, sta molto meglio e potrebbe anche essere della partita.