video suggerito
video suggerito

Retroscena della lite tra Allegri e Adani. Perché il tecnico ce l’ha con l’opinionista Sky

Da sempre allergico alle critiche rivoltegli per il ‘non gioco’ della Juventus, Allegri non ha mai perso le staffe come accaduto con Adani fino a degenerare nel litigio violento durante il collegamento a Sky. Cosa ha detto e perché ce l’ha tanto con l’ex calciatore, oggi opinionista? Con ogni probabilità il motivo è da ricercare nel commento molto negativo dopo l’eliminazione dalla Champions: “La Juventus in queste partite si è meritata Cristiano Ronaldo? Non puoi parlare dei giocatori infortunati se l’Ajax ha giocato con Ekkelenkamp, Sinkgraven e Huntelaar. Hai fatto tre tiri in 180 minuti”.
A cura di Maurizio De Santis
1.569 CONDIVISIONI
Immagine

Non è la prima volta che Massimiliano Allegri e Daniele Adani litigano in tv ma nel collegamento tra studio e Milano, dopo la partita pareggiata dalla Juventus con l'Inter, il battibecco è andato ben oltre la discussione su pragmatismo e idee di gioco, giocatori forti e campioni "ai quali passare la palla come nei secondi finali a basket" (raccontò qualche tempo fa Max). Un alterco, una rissa verbale: ecco cosa è successo nel botta e risposta finito a pesci in faccia.

  • "Fate troppo teoria. Io sono pratico. Adani sei il primo che legge i libri e di calcio non sai niente. Sta zitto, tu non hai mai allenato mentre io ho vinto 6 scudetti", dice il tecnico livornese schiumando rabbia.
  • "No, fermo… fermo… Stai zitto lo dici a tuo fratello", la replica durissima dell'opinionista, ex calciatore. E' allora che Allegri, stizzito, decide di abbandonare la postazione: toglie l'auricolare e va via.

Perché Allegri hanno litigato a Sky? Il retroscena

Da sempre allergico alle critiche rivoltegli per il ‘non gioco' della Juventus, Allegri non ha mai perso le staffe come accaduto con Adani. In altre occasioni, rispetto a obiezioni specifiche su identità tattica e schemi della sua squadra (dualismo emerso in particolare nel campionato scorso quando il metro di paragone erano Sarri e il suo Napoli), s'è limitato a definirsi un allenatore pragmatico che sa leggere la partita e soprattutto è consapevole che ‘nel calcio come nel basket' è solo la giocata del campione che ti fa la differenza.

Perché ce l'ha tanto con l'ex calciatore, oggi opinionista Sky? Con ogni probabilità il motivo è da ricercare nel commento molto negativo che Adani fece in seguito all'eliminazione della Juventus dalla Champions. Passata in vantaggio con Cristiano Ronaldo, venne sopraffatta in casa (2-1) e cancellata ai quarti di finale dall'organizzazione, dal talento e dal gioco dei ‘lancieri' nonostante avesse in squadra uno dei più forti calciatori al mondo. Ed è questo il punto, proprio come diceva Cruijff: "Non ho mai visto un mucchio di soldi fare gol". Cosa disse allora in tv l'ex giocatore di Fioretina, Brescia e Inter? Censurò, ancora una volta, il non gioco della Juventus.

Vi chiedo, la Juventus in queste partite si è meritata Cristiano Ronaldo? L’Ajax ha giocato con Ekkelenkamp, Sinkgraven e Huntelaar  – rilevò Adani poco dopo l'eliminazione dei bianconeri -. Non puoi parlare dei giocatori infortunati in un confronto con l’Ajax. Hai fatto tre tiri in 180 minuti. Quest’anno la Juventus in Champions League ha perso 4 partite sulle 10 disputate.

1.569 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views