C'è una nuova stella nella Liga spagnola. Si chiama Ander Barrenetxea, attaccante classe 2001 della Real Sociedad, cresciuto nella cantera del club basco e ora stabilmente aggregato con la prima squadra allenata da Imanol Alguacil. Il giocatore diciasettenne, che ha contribuito alla vittoria nell'ultimo turno di campionato contro il Getafe, ha ricevuto l'applauso di tutto lo stadio "Municipal de Anoeta" ed è stato anche protagonista di un curioso episodio che ha fatto molto parlare.

Al termine della gara, dopo essersi cambiato negli spogliatoi, Barrenetxea è uscito dallo stadio ed è andato a casa in bicicletta. Senza patente a causa della sua età, il ragazzo ha dunque optato per le due ruote. Non una bicicletta qualsiasi però, ma una delle tante che il Comune di San Sebastian ha messo a disposizione per i cittadini. Come riferito dai media spagnoli, il giocatore della Real Sociedad ha così preso a noleggio una bicicletta ed è rientrato a casa pedalando, dopo le fatiche dei 90 minuti con la sua squadra.

Un campione di umiltà

Figlio di Azu Muguruza, allenatrice dell’IDK Gipuzkoa, squadra di basket partecipante alla Liga Dia spagnola, e già nel mirino di diversi top club spagnoli, Barrenetxea è stato il primo "millennials" a debuttare nel massimo campionato spagnolo: il 21 settembre 2018, a neanche 17 anni compiuti. "Devo continuare a lavorare e a migliorarmi, perché solo così posso giocare – ha spiegato il giocatore basco dopo la vittoria contro il Getafe – All'inizio ero un po' nervoso, ma l'allenatore e i compagni di squadra mi hanno dato fiducia".

Dopo il suo esordio da titolare contro l'Eibar, il classe 2001 della Real Sociedad ha già messo insieme sei presenze con la prima squadra ed è dunque nel mirino di diverso scout europei. Simile ad Insigne come caratteristiche tecniche, l'attaccante dell'Under 18 spagnola ha però rinnovato il suo contratto con la società di San Sebastian nello scorso dicembre, firmando fino al 2025.