Ancora una presentazione ufficiale in casa del Real Madrid. Il club di Florentino Perez letteralmente scatenato in questa prima fase del mercato ha infatti presentato il neo-acquisto Rodrygo Silva de Goes, meglio conosciuto solo come Rodrygo. L'attaccante classe 2001 per il quale le merengues hanno investito 45 milioni di euro, dopo essersi presentato in tribuna con il presidente Florentino Perez si è reso protagonista, come da copione, di alcuni palleggi al Bernabeu con la casacca del Real. Rodrygo ha definito il suo approdo in blanco come "un sogno che si avvera" dimostrandosi pronto anche a giocare nel Castilla, squadra B del club.

Real Madrid, presentazione ufficiale per Rodrygo

Dopo Eden Hazard, Eder Militao, Ferland Mendy e Luka Jovic per il Real Madrid è tempo di formalizzare e presentare il colpo di mercato Rodrygo Silva de Goes. Con i 45 milioni investiti per lui (operazione formalizzata con il Santos dove è rimasto in prestito per un'altra annata), le merengues hanno speso finora in tre settimane di trattative più di 300 milioni di euro. L'esterno offensivo, abile a giocare anche da prima punta, è stato presentato oggi al Bernabeu. Prima le foto di rito con la nuova maglia e in compagnia del presidente Florentino Perez e poi le foto sul terreno di gioco della casa del Real con il giocatore alle prese con una serie di palleggi.

Rodrygo e il sogno di giocare nel Real Madrid, può finire al Castilla

Rodrygo, considerato uno degli astri nascenti del calcio brasiliano, ha esternato con poche parole il suo stato d'animo: "Ho sempre detto che è il sogno di ogni bambino giocare nel Real, sto vivendo un sogno, è il giorno più bello della mia vita". Alla luce della sua giovanissima età (classe 2001) non è da escludere che Zidane possa spedirlo per un po' a farsi le ossa nella squadra B dei blancos. Una prospettiva che non spaventa l'ex Santos felice di giocare anche nel Castilla.

Il paragone con Robinho e Neymar

Che tipo di giocatore è Rodrygo, e ci sono delle stelle brasiliani alle quasi si può paragonare? Idee molto chiare per il duttile attaccante che ha individuato due modelli: "Sono un attaccante veloce, che segnato e dribbla. Sono brasiliano e noi siamo un po' così, come Robinho e Neymar. Mi identifico un po' con loro. Mi piace giocare sulle ali, specialmente a sinistra, ma non ho preferenze, sono pronto per giocare". Già grande feeling con i colori del Real per il giovane talento, che ha dimostrato anche personalità dichiarando: "Neymar è un grande giocatore, ma è in un'altra squadra e non posso parlarne. Io vorrei essere il Rodrygo del Madrid, c'è solo un Neymar, non ce ne può essere un altro".