Seconda sconfitta in pochi giorni per il Real Madrid. Prima il ko in Champions con il CSKA Mosca, e poi quello nella Liga contro l'Alaves. Due battute d'arresto di misura contro altrettante  formazioni tutt'altro che irresistibili (anche i biancocelesti hanno agganciato proprio le merengues e il Barcellona in vetta alla Liga) o quantomeno alla portata dei campioni d'Europa. Cosa succede dunque al Real Madrid che nelle ultime 4 partite ha incassato un solo punto? A metterci la faccia ci ha pensato capitan Sergio Ramos che ha difeso il tecnico Lopetegui e allontanato il ricordo di un Cristiano Ronaldo che manca e non poco al pubblico del Bernabeu.

Crisi Real Madrid, un punto in 4 partite

E' crisi per il Real Madrid che nelle ultime 4 partite ha rimediato un solo punto, senza segnare nemmeno un gol. Prima il tonfo 3-0 a Siviglia, poi il pareggio a reti bianche con l'Atletico Madrid, e infine il doppio ko per 1-0 contro CSKA Mosca (in Champions) e Alaves. Nell'ultimo match di campionato ci ha pensato Manu Garcia al 95′ a condannare un Real incapace di pungere, con l'assenza di Cristiano Ronaldo in avanti che inizia a farsi sentire in maniera pesantissima.

Real Madrid, Sergio Ramos difende Lopetegui a rischio esonero

A metterci la faccia ci ha pensato il capitano, Sergio Ramos. Quest'ultimo è intervenuto nel post-partita per commentare la crisi del Real Madrid. Il forte difensore spagnolo ha difeso il tecnico Lopetegui finito sulla graticola e secondo i tabloid iberici già a rischio esonero. Queste le parole di Ramos: "Cambiare allenatore? Sono altri quelli che prendono le decisioni, ma non so cosa potrebbe fare di positivo un cambio di tecnico. Sarebbe una follia. A volte serve a qualcosa e altre no, ma comunque non è una cosa che dipende dai calciatori. Chi dà il Real Madrid per morto ha capito davvero male. Ci vuole pazienza. E noi siamo i primi a essere arrabbiati".

Crisi del gol per il Real Madrid, manca Cristiano Ronaldo. Sergio Ramos snobba CR7

La carenza di gol per una squadra che ha segnato nelle ultime stagioni a raffica è troppo evidente per non essere affrontato. A tal proposito ecco inevitabile il riferimento all'assenza di Cristiano Ronaldo che i tifosi hanno invocato a gran voce nell'ultimo match giocato al Bernabeu. Sergio Ramos allontana il ricordo del suo ex compagno che, nonostante le vicende extracalcistiche relative alle accuse di stupro, segna e convince alla Juventus: "Ora che non c’è più si parla tanto di Cristiano Ronaldo, ma anche quando c’era lui ci sono stati momenti in cui abbiamo avuto problemi a segnare. Il gol tornerà. I risultati fanno scalpore, soprattutto quando si perde. Ma la squadra ha la voglia e l’ambizione di vincere. È il nostro DNA".