Gianni Infantino, presidente della FIFA, ha già espresso il desiderio di provare ad aumentare da 32 a 48 squadre partecipanti alla Coppa del Mondo 2022 che si terrà in Qatar e oggi ha fatto anche altri tipi di riflessioni durante la 13a Conferenza internazionale dello sport. La FIFA ha già approvato nel 2017 l'aumento delle squadre partecipanti al Mondiale del 2026, che sarà organizzato congiuntamente da Canada, Messico e Stati Uniti, ma il numero uno del movimento calcistico mondiale ha spiegato che vi è la possibilità di far anticipare l'aumento dei partecipanti di quattro anni:

Se pensiamo che sia bello avere 48 squadre alla Coppa del Mondo 2026, perché non provarci quattro anni prima? Ecco perché stiamo analizzando se è possibile avere 48 squadre già nel 2022. La Coppa del Mondo si terrà certamente in Qatar con 32 squadre a dobbiamo provare ad aumentare se ci sono le possibilità.

Infantino ha già dichiarato un mese fa che la maggior parte delle federazioni nazionali erano a favore dell'espansione del torneo e si prevede che verrà presa una decisione prima del sorteggio delle qualificazioni che si terrà il prossimo marzo. Il Qatar non prenderà una decisione definitiva prima che la FIFA pubblichi uno studio sull'eventualità che l'aumento sia fattibile perché l'estensione a 48 aumenterebbe il numero di partite e, di conseguenza, sarebbero necessarie più sedi. In questo senso, Infantino ha anche aperto alla possibilità che alcuni paesi del Golfo, limitrofi al Qatar, potrebbero ospitare alcune partite: "Se alcuni dei paesi confinanti nella regione del Golfo potrebbero ospitare alcune gare della Coppa del Mondo questo potrebbe essere molto vantaggioso per la regione e per il mondo intero".

Il presidente della FIFA non ha dimenticato che "ci sono tensioni in questa regione e spetta ai rispettivi leader occuparsene ma potrebbe essere più facile parlare di un progetto di calcio comune piuttosto che di cose più complicate. Se potrebbe aiutare la gente del Golfo e di tutti i paesi del mondo a sviluppare il calcio e portare un messaggio positivo, dobbiamo provarci". Infantino ha anche annunciato che la FIFA assegnerà 100 milioni di euro per il programma "Calcio nelle scuole":

Vogliamo i valori del calcio per la società ed è per questo che li incoraggeremo nelle scuole. Il linguaggio del calcio è universale: rispetto per l'arbitro, il perdente, il fair play. Il calcio può aiutare a migliorare il mondo.