Il Napoli a ‘Marassi’ batte 4-2 la Sampdoria e vince la quinta partita consecutiva. Sarri, che è stato al centro dell’attenzione in questi giorni, torna a sorridere perché gli azzurri hanno superato un altro ostacolo e hanno confermato anche in trasferta di essere una macchina da gol (dodici le reti siglate nelle ultime tre trasferte dgli azzurri). Brutto passo falso dell’Inter, che si fa raggiungere da Lasagna al 93’, e vede ulteriormente allontanarsi Higuain e soci. Mancini è stato agganciato dalla Fiorentina. Bel successo della Lazio, mentre il Bologna continua nel suo momento d’oro vincendo il derby con il Sassuolo.

Poker del Napoli – Pronti, via e il ‘Pipita’ ha già una chance, che però non riesce a concretizzare. Ma Higuain è in stato di grazia e guai a concedergli una seconda occasione. Barreto effettua un improvvido retropassaggio, Higuain intercetta il pallone s’invola verso la porta di Viviano e lo batte. 21° gol in 21 partite per l’argentino. Insigne, a sorpresa rigorista, dal dischetto non sbaglia e realizza il 2-0 al 18’. La partita sembra chiusa, ma Carbonero risveglia i suoi e regala un pallone d’oro a Correa che allo scadere del primo tempo batte Reina. Il Napoli soffre a inizio ripresa, per evitare guai ci vuole una magia e Hamsik, con uno slalom spettacolare firma il 3-1. Quarto gol nelle ultime cinque partite per lo slovacco, al 96° gol con la maglia partenopea (eguagliato Careca). Eder riapre ancora l’incontro, Montella spera fino a quando non arriva il 4-2 di Mertens.

Lasagna gela Mancini – Sembrava che l’Inter dovesse vincere ancora una volta per 1 a 0, ma a San Siro i piani di Mancini li ha rovinati Kevin Lasagna, che al 92’ riceve un pallone splendido, aggira la difesa e con un diagonale splendido batte Handanovic. L’attaccante bresciano, alla prima segnatura in Serie A, pareggia il gol di Palacio e regala il quarto risultato utile consecutivo al Carpi. Per l’Inter è un bruttissimo passo falso. Nelle ultime cinque partite di punti Mancini ne ha conquistati cinque, e in casa i nerazzurri hanno ottenuto un solo punto in tre partite.

Fiorentina terza – All’ora di pranzo la squadra di Paulo Sousa ha superato 2-0 il Torino. I viola chiudono la mini-serie negativa e si riprendono il terzo posto. Perché Sousa sale a quota 41, aggancia Mancini che lo scorso settembre batté per 4-1. I viola non sono stati spettacolari contro la squadra di Ventura, ma hanno ampiamente meritato il successo. I gol li hanno realizzati Ilicic e Gonzalo Rodriguez.

Lazio, Bologna e Palermo – Poker per Lazio e Palermo. La squadra di Pioli dopo essere passata in svantaggio in apertura con il Chievo, gol di Cesar, nella ripresa si trova subito con l’uomo in più, per il rosso proprio a Cesar. Candreva pareggia su rigore, poi fanno gol Cataldi, ancora Candreva e Keita. Il Palermo con Barros Schelotto in tribuna, ma di fatto già allenatore da una settimana, si sbarazza dell’Udinese (4-1). Il migliore in campo è stato Quaison. Bologna ancora corsaro, 2-0 al Sassuolo (Giaccherini e Floccari). 1-1 tra Verona e Genoa, la squadra di Delneri resta l’unica senza vittorie.