Tensione, atmosfera pesante e persino insulti tra i settori dell'Allianz Stadium a quattro giorni dalla gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro l'Atletico Madrid. Le varie fazioni del tifo della Juventus sembrano essere in aperto conflitto e anche chi ha visto la partita in tv ieri sera ha percepito cori e insulti tra la curva Sud, le tribune e la curva Nord. Nella partita di venerdì sera contro l'Udinese il settore Sud dello stadio torinese ha mantenuto la sua posizione in merito allo sciopero e la protesta contro l'aumento del prezzo dei biglietti che viene considerato sproporzionato ma poco dopo il raddoppio di Moise Kean è partita una vera e propria battaglia a suon di cori e insulti.

Le due versioni

Tutto sarebbe scoppiato quando dai gruppi presenti nella ‘curva Gaetano Scirea' al 39′ sarebbe partiti dei cori in memoria dei tifosi morti nella tragedia dell'Heysel che sarebbe stato coperto di fischi ma le altre fazioni sostengono che non sia vero e la scintilla sia scattata quando la curva ha iniziato a cantare "Siamo sempre con voi"," La Juve siamo noi" e "Più rispetto per noi" provocando il resto dei tifosi che hanno risposto con un altro coro noto ("Sono un ultrà bianconero") partito dalla Nord. La reazione di molti appassionati da altri settori dello stadio è passata dai semplici fischi agli insulti verso i gruppi organizzati della curva Sud che non hanno esitato un secondo e hanno riposto a tono. Questo botta e risposta è andato avanti per diversi minuti e ha diviso molti tifosi della Vecchia Signora anche suoi social. Non proprio un bel modo per festeggiare la gara ufficiale numero 200 dell'Allianz Stadium.

Sciopero anche contro l'Atletico?

Una vera e propria faida che a pochi giorni dalla sfida contro l'Atletico Madrid non è affatto positiva per l'ambiente intorno alla squadra di Allegri, che dovrà tentare una vera e propria impresa per passare il turno. Al momento i gruppi ultras che occupano la "curva Gaetano Scirea" non hanno ancora smentito la possibilità di continuare la protesta nella partita di martedì contro gli spagnoli, in cui la Juventus avrò bisogno del suo pubblico per ribaltare il 2-0 dell'andata. A chi giova questa situazione? Di certo non alla squadra ma quando un'inchiesta giornalistica qualche tempo fa aveva portato alla luce vicende non proprio limpide all'interno di alcuni settori della tifoseria bianconera si era levato il coro sui media "anti Juve" che vogliono attaccare solo la Vecchia Signora. In attesa di vedere cosa accadrà martedì sera, sia in campo che sugli spalti, questa è la situazione. E non sembra essere delle migliori.