Bufera in Inghilterra su Paul Scholes ex colonna del Manchester United e della Nazionale dei 3 Leoni. La Football Association ha infatti aperto un procedimento contro il classe 1974. Il motivo? Avrebbe piazzato ben 140 scommesse su partite di calcio nel periodo che va dal 2015 al 2019, ovvero quando era co-proprietario del Salford City. L'accusa è quella di aver infranto la regola E8 della FA, con Scholes che potrebbe rischiare anche la squalifica (in aggiornamento)

Paul Scholes, la Fa apre procedimento per 140 scommesse su partite di calcio

Brutte notizie per Paul Scholes. Secondo quanto riportato dalla stampa inglese, e in particolare dal Daily Mirror, la Football Association (massimo organo calcistico d'oltremanica) ha deciso di aprire un procedimento nei confronti dell'ex centrocampista e allenatore. Quest'ultimo è accusato di cattiva condotta per aver piazzato, secondo le accuse, ben 140 scommesse su partite di calcio tra il 2015 e il 2019 quando era co-proprietario di Salford City. In questo modo Scholes avrebbe dunque violato la regola E8 della FA. Scholes ora avrà tempo fino al 26 aprile per difendersi dalle accuse rivoltegli. Il rischio concreto è quello di andare incontro ad una multa o nel peggiore dei casi ad una squalifica.

Paul Scholes e l'addio da record all'Oldham

Non è un periodo particolarmente fortunato per Paul Scholes che poche settimane fa ha lasciato la panchina dell'Oldham Athletic. Un'esperienza quella dell'ex Manchester United durata addirittura 31 giorni, con le dimissioni comunicate alla dirigenza attraverso un messaggio su Whatsapp. 3 pareggi, 2 sconfitte e una vittoria all'attivo per il classe 1974 prima dell'addio, legato a divergenze proprio con i vertici della società. In particolare Scholes non avrebbe gradito l'eccessiva ingerenza del presidente del club nella gestione tecnica della squadra, preferendo così gettare la spugna, nonostante il gradimento di giocatori e tifosi.