E' durata esattamente un mese l'esperienza di Paul Scholes sulla panchina dell'Oldham. L'esperienza del classe 1974 non si è rivelata fortunata come quella dell'amico ed ex compagno Solskjaer al Manchester United, e infatti sono arrivate le dimissioni dopo 31 giorni dall'inizio della sua avventura professionale. Scholes avrebbe comunicato la sua volontà attraverso un messaggio su Whatsapp diretto al presidente della squadra.

Paul Scholes si dimette da allenatore dell'Oldham

Paul Scholes non è più l'allenatore dell'Oldham, club che milita nella quarta serie inglese. L'ex stella del Manchester United ha rassegnato le dimissioni 31 giorni dopo il suo arrivo, con 3 pareggi, 2 sconfitte e una vittoria all'attivo. La decisione della grande gloria dei Red Devils, secondo quanto appreso da Sky Sports News è stata comunicata dal diretto interessato attraverso un messaggio su Whatsapp diretto al presidente del club Abdallah Lemsagam.

Il comunicato ufficiale

Questo il comunicato ufficiale dell'Oldham sull'addio di Scholes: "L'Oldham Athletic è dispiaciuto per la decisione di Paul di rassegnare le dimissioni e sorpreso dalle motivazioni addotte. Il club ha dato a Paul tutto il supporto e l'autonomia che aveva chiesto. Non ha sollevato nessun problema informalmente o formalmente prima delle sue dimissioni. Non ha dato nessuna opportuità e sempliicemente rassegnato le dimissioni in un messaggio rifiutando di discutere alcun problema. La gestione di una squadra è un lavoro difficile e avremmo lavorato con Paul per trovare delle soluzioni. Gli auguriamo il meglio e lo ringraziamo per il suo contributo. Immediatamente cercheremo un nuovo allenatore".

Perché Scholes ha lasciato l'Oldham

Una decisione sorprendente che ha destabilizzato l'ambiente. La dirigenza a quanto pare non aveva avuto nessun sentore della volontà di Scholes di lasciare. Secondo le indiscrezioni la decisione dell'ex United sarebbe figlia di "mal di pancia" del tecnico per l'eccessiva ingerenza dei vertici societari nella gestione tecnica della squadra. Ecco allora che la grande gloria inglese, ha deciso di salutare confermando di avere un carattere molto forte