Dopo aver riabbracciato Gianluca Vialli durante l'evento che si è svolto al ‘Bambin Gesù', Roberto Mancini ha salutato con affetto anche un altro grande amico. In occasione della rifinitura che si è svolta nelle scorse ore sul terreno dello stadio Olimpico, in vista dell'impegno di qualificazione europea contro la Grecia della nostra Nazionale, il commissario tecnico ha infatti ricevuto la visita di Sinisa Mihajlovic.

Il tecnico del Bologna, alle prese con la battaglia contro la leucemia e reduce dalla conclusione del suo secondo ciclo di chemioterapia, è arrivato all'Olimpico con i suoi due figli maschi. Tornato a Roma per stare un po' con la sua famiglia, Mihajlovic è stato accolto dai dirigenti azzurri e abbracciato affettuosamente dal commissario tecnico che lo ha invitato a sedersi in panchina durante l'allenamento insieme al presidente federale Gravina.

Il regalo di Mancini

A poche ore dal suo commovente filmato mandato in onda allo stadio Dall'Ara in occasione del compleanno numero 110 del Bologna, il tecnico serbo ha così fatto il pieno di abbracci e ricevuto un suggestivo regalo da Mancini: una maglia verde della Nazionale, quella con cui Bonucci e compagni scenderanno in campo contro la Grecia, con stampato sulle spalle il suo nome e quel numero 11 che lo ha accompagnato nel corso della sua luminoso carriera da calciatore.

"Questo è un mio momento particolare – aveva dichiarato Mihajlovic nel video diffuso prima della sfida tra le vecchie glorie del Bologna e quelle del Real Madrid – Sto lottando contro una malattia, ma sono sicuro che sta andando bene e sono sicuro che alla fine vincerò, grazie a voi tifosi e grazie all’amore della mia famiglia. Voglio ringraziare tutti voi, tutti i tifosi del Bologna, tutta la società, per tutto quello che avete fatto per me, per tutti i momenti nei quali mi siete stati vicini, mi avete dato tanta forza".