Forte distorsione al ginocchio con probabile interessamento dei legamenti, ma serviranno gli esami strumentali del caso per valutarne l’entità. E' questo il primo responso dell'infortunio di Ghoulam. Ora però il quadro sembra ancora più chiaro e le tinte sono sempre più fosche per l'algerino. Perché si sospetta la rottura del legamento crociato per il fortissimo terzino. Questa notizia giunge proprio dall'ambiente del club partenopeo. Nella giornata di giovedì sapremo la verità. A Roma Ghoulam si sottoporrà gli esami strumentali.

Visita a Villa Stuart dal Professo Mariani

Villa Stuart e il dottor Mariani sono stati già chiamati per il consulto medico specialistico. Nella giornata di giovedì, alle ore 12, il calciatore potrà essere nel centro medico della Capitale per sottoporsi a test più approfonditi così da chiarire l’effettiva entità del problema al ginocchio destro.

Grande avvio di partita per Ghoulam

Una botta ha costretto a uscire dal campo intorno alla mezz'ora del primo tempo il terzino. Un brutto colpo per il Napoli che fino a quel momento, anche grazie al dinamismo dell'algerino, era riuscito a schiacciare il Manchester City nella sua metà campo. Il problema al ginocchio è serio e preoccupa il Napoli, perché Ghoulam è uno dei migliori giocatori di Sarri ed è stato uno dei migliori in questa prima parte di stagione. E' dalla catena di sinistra che sono nati i pericoli maggiori nel primo tempo per gli inglesi, fino al gol – bellissimo – di Insigne. La gioia degli azzurri, però, dura poco e si spegne quando Ghoulam fa una smorfia e inizia a zoppicare: prova a giocare ancora, resiste al dolore fino a quando non fa un segno evidente verso la panchina chiedendo il cambio.

Le difficoltà del Napoli senza l'algerino

Sarri chiama Maggio che entra a freddo e va piazzarsi sulla corsia destra con Hysaj dirottato sulla zona mancina. Non è la stessa cosa e si vede. Il Napoli fatica a organizzarsi e il City viene fuori dal guscio, approfittando del momento di sbandamento dei partenopei: Otamendi sigla il pareggio, poco dopo Pepe Reina vede la traversa tremare. Il Napoli poi nel secondo tempo soccombe contro il Manchester City, che al San Paolo si impone per 4 a 2.