Maurizio Sarri è sempre più vicino alla Juventus. Dopo l'addio di Massimiliano Allegri, sarebbe infatti l'ex allenatore del Napoli il profilo scelto da Andrea Agnelli e dalla dirigenza juventina per la prossima stagione. Una decisione che ha spiazzato i tifosi della vecchia signora e ovviamente messo di cattivo umore quelli partenopei, che hanno fatto della famosa lotta contro il "palazzo bianconero" di Sarri il loro cavallo di battaglia.

Contrariati dall'idea di vedere Maurizio Sarri sulla panchina degli ‘odiati' rivali, i supporter partenopei hanno dunque deciso di manifestare il loro dissenso e di passare dalle parole ai fatti. Alcuni di loro si sono infatti recati a Figline Valdarno, dove davanti all'abitazione di Sarri hanno esposto uno striscione eloquente: "Comandante, non tradire il tuo popolo. Napoli ti ama".

L'ironia di De Laurentiis

Nei giorni scorsi è stato invece Aurelio De Laurentiis a dire la sua sull'ipotetico passaggio alla Juventus di Sarri. Reduce da un problematico divorzio con l'allenatore, che provocò la reazione del popolo di Fuorigrotta, il presidente ha utilizzato il suo solito sarcasmo per commentare le indiscrezioni: "Maurizio in bianconero? Non mi stupirebbe – ha dichiarato il patron – Dopo quello che è successo con Higuain non mi stupisco più di nulla. Anzi, sarebbe divertente e più bello vincere lo scudetto".

Intanto alla vigilia della finale di Europa League, lo stesso manager del Chelsea ha voluto glissare sul suo presunto futuro lontano da Londra: "La Juventus? Ora penso alla finale, poi parlerò con il Chelsea – ha spiegato durante la conferenza stampa andata in scena a Baku – Coi Blues ho un contratto di due anni. Ripeto, in questo momento io ed i miei giocatori abbiamo bisogno di pensare solamente al match di domani".