La scossa non c'è stata. All'esordio di Gennaro Gattuso in panchina il Napoli ha perso in casa per 2 a 1 contro un buon Parma. I ducali si sono subito portati in vantaggio con Kulusevski e Milik aveva riportato in partita gli azzurri ma con un contropiede nei minuti di recupero la squadra di Roberto D'Aversa ha vinto la seconda gara di fila in trasferta dopo quella di Genova con la Sampdoria.

Dopo una prima parte di gara per nulla convincente, gli azzurri hanno cercato a tutti i costi la via del goal e l'hanno trovato con il miglior attaccante in rosa ma non è bastato: la squadra partenopea non trova in 3 punti in campionato dalla gara del 19 ottobre con l'Hellas, quando aveva deciso una doppietta dell'ariete polacco. I ducali staccano proprio il Napoli in classifica e per una notte sono al settimo posto, a 24 punti, a -4 dall'Atalanta.

Il primo Napoli di Gattuso: davanti Milik-Callejon-Insigne

Per il suo esordio sulla panchina del Napoli Rino Gattuso ha scelto il 4-3-3: Meret in porta; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly e Mario Rui in difesa; Ruiz, Allan e Zielinski in mediana e il tridente composto da Callejon, Milik e Insigne. Al San Paolo Roberto D'Aversa opta, anche lui, per il 4-3-3: tra i pali Sepe; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves e Gagliolo sulla linea difensiva; Hernani, Brugman e Barillà a supporto dei tre attaccanti Kulusevski, Cornelius, Gervinho.

KK sbaglia, Kulusevski no: il Parma avanti al San Paolo

Non è stato una buona partenza per il primo Napoli di Gattuso visto che nei primi minuti sia Allan che Koulibaly hanno regalato due palle in uscita ai calciatori del Parma e al terzo errore, sempre del difensore senegalese è arrivato il vantaggio del Parma: al 4′ KK ha commesso un errore in costruzione e Dejan Kulusevski ha approfittato di questa ingenuità e dopo aver vinto il duello fisico con il centrale azzurro ha battuto Meret sul primo palo. Secondo quanto riporta Opta, il trequartista ducale, al centro di diverse voci di mercato, ha realizzato il 500° goal in trasferta del Parma in Serie A.

La squadra di Gattuso ha provato a reagire e dopo un forcing piuttosto sterile è arrivato l'occasione d'oro ma, poco dopo la mezz'ora, Insigne da buona posizione ha calciato fuori. In seguito al buon momento del Napoli è arrivato la super parata di Meret su Gervinho, che ha evitato la seconda rete deviando la conclusione sul palo e con l'aiuto della difesa ha liberato l'area. Al 46′ è stato assegnato un calcio di rigore al Napoli per fallo su Zielinski ma, dopo il consulto con il VAR, viene ritirata la prima decisione e battuta una punizione dal limite, non sfruttata da Insigne.

Koulibaly si fa male: al suo posto entra Luperto

In occasione del goal segnato da Kulusevski il centrale del Napoli, nel tentativo di recuperare sullo svedese, ha riportato un problema muscolare: secondo le prime indiscrezione di Sky Koulibaly ha accusato un problema ai flessori della gamba destra, per il classe 1991 e nelle prossime ore si sottoporrà ad esami approfonditi. Il calciatore senegalese è stato sostituito da Luperto ed è uscito dal terreno di gioco sostenuto da due componenti dello staff medico.

Milik non basta, Gervinho gela Napoli: il Parma vince 2-1

Rispetto alla prima frazione il Napoli è partito a testa bassa e il forcing sulla difesa del Parma è notevole: agli azzurri sembra mancare la stoccata finale ma al 65′ ci ha pensato Arkasdiuz Milik. Il centravanti polacco, su cross dalla destra del neo entrato Mertens, ha battuto Sepe con uno stacco imperioso e ha fatto esplodere il San Paolo. Per il numero 99 è la sesta rete in 7 presenze, nove su 10 in stagione.

Nel finale il Napoli ci ha provato in più di un'occasione ma Sepe non ha corso grossi pericoli. Gattuso ha inserito Lozano per Insigne, beccato dal pubblico all'uscita dal campo, ma è stato il Parma a portare a casa l'intera posta in palio con un contropiede che è stato concretizzato da Gervinho al 93′. Lo scivolone di Zielinski sulla trequarti avversaria ha dato il via alla velocissima ripartenza della squadra gialloblù e il solito Kulusevski ha appoggiato sui piedi dell'ex calciatore della Roma un "cioccolatino" da scartare e calciare in rete da comoda posizione. Quarta rete in campionato per l'attaccante ivoriano. Cala il gelo al San Paolo.