Il principale episodio da moviola di Napoli-Parma, anticipo delle 18.30 del sabato della 16a giornata di Serie A, arriva nel finale del primo tempo. L'arbitro prima punisce con il calcio di rigore un intervento di Hernani su Zielinski, e dopo qualche minuto torna sui suoi passi modificando la sua decisione. Niente penalty, ma punizione al limite per gli azzurri, con il controllo Var sul monitor a bordo campo che ha evidenziato che il contatto falloso è avvenuto poco prima della linea che delimita l'area di rigore.

Moviola Napoli-Parma, l'episodio del rigore revocato col Var per il contatto tra Hernani e Zielinski

Nel finale del primo tempo, contatto tra Hernani e Zielinski. Incrocio di gambe tra il centrocampista del Parma e quello del Napoli che comunque non sarebbe arrivato sul pallone, troppo lungo. L'arbitro non ha dubbi e indica il dischetto concedendo il calcio di rigore alla formazione ospite. Proteste molto civili dai calciatori gialloblu, che oltre a lamentarsi per l'entità del contatto (Hernani tocca il piede di Zielinski che poi incespica e cade poco più avanti), chiedono al direttore di gara di consultare il Var per verificare il punto in cui è avvenuto il fallo. L'arbitro Di Bello dal canto suo comunica a tutti che è già in corso un check dei suoi collaboratori in sala Var.

Perché l'arbitro ha revocato il calcio di rigore al Napoli dopo il controllo Var

Dopo un minuto di impasse, il direttore di gara ricorre su indicazione degli addetti al Var al monitor a bordo campo per rivedere personalmente l'episodio. Controllo con l'on-field review che dura pochissimo, con l'arbitro che torna verso l'area del Parma spiegando ai giocatori di aver modificato la sua decisione. Niente rigore dunque ma punizione al limite dell'area, in quanto il primo contatto sarebbe avvenuto pochi centimetri fuori dall'area. Grande rammarico da parte dei calciatori azzurri, con i tifosi di casa che protestano per una decisione che sembra comunque, tecnologia alla mano, quella giusta.