Il bilancio della stagione del Napoli è molto positivo, perché con un allenatore nuovo abbiamo cambiato mentalità di gioco. È stato un anno dove abbiamo, grazie ad Ancelotti, sperimentato tutte le potenzialità dei vari giocatori a disposizione e quindi abbiamo anche fatto tesoro di chi è più corretto per un gioco ‘ancelottiano' e chi invece, pur essendo un grandissimo campione di grandi prospettive, forse è meglio che giochi da qualche altra parte.

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, è soddisfatto dell'impatto che ha avuto Carlo Ancelotti sulla squadra e con l'ambiente azzurro e facendo un bilancio della stagione del club a dieci giornate dalla fine del campionato di Serie A, con il secondo in classifica (-15 la distanza dalla Juventus) e con i quarti di finale d'Europa League con l'Arsenal, il patron è parso molto soddisfatto. DeLa sembra far capire che possa trattarsi di un'annata di transizione per capire quali giocatori possano essere utili al progetto del tecnico di Reggiolo.

DeLa: Serie A in Cina? Meglio ad agosto in Europa

Il numero uno del club azzurro ha parlato della proposta di disputare alcune gare di campionato in Cina e non è parso molto convinto di questa possibilità ma, prima dell'incontro con la delegazione cinese presso la Federcalcio a Roma, ha rilanciato con una sua idea affermando che si potrebbero sfruttare le capitali europee nel primo mese di gare:

Gare di Serie A in Cina? Io approfitterei del break di agosto per fare qualche assaggio di qualche partita importante del campionato in giro per l'Europa. Se ci potessimo far dare un bellissimo stadio a Parigi, un altro a Londra, un altro a Berlino o a Madrid o a Barcellona perché non cominciare lì il nostro campionato? Non tradiremmo i tifosi, perché sarebbero tutti a mollo, lontani dalle rispettive città.