Serata da gigante del calcio. Altro che ‘pulga'. Lionel Messi ha ribadito la propria legge nell'ultimo weekend, in Liga, con la maglia del Barcellona corsaro sul campo del Real Betis grazie al suo numero 10, autore di una tripletta da antologia. L'ennesima perla incastonata in una carriera sempre più arricchita di record e straordinarie giocate. Tanto fa meritarsi l'ovazione dello stadio ‘nemico', da superare i primati di miti assoluti come Xavi o Iniesta.

Leo Messi non si aspettava di certo una serata così magica, indimenticabile. Il successo del Barcellona grazie ai suoi tre gol ha permesso ai catalani di tornare ad avere un vantaggio importante sulla seconda in classifica, l'Atletico Madrid, a +10, chiudendo in pratica il discorso per il titolo. La Pulga ha fatto il leone, trascinando i compagni ad una vittoria che adesso permetterà agli azulgrana di potersi concentrare sui quarti di Champions, contro lo United.

Non mi era mai accaduto di ricevere una ovazione di queste proporzioni da parte dei tifosi avversari. Ringrazio tutti di vero cuore.

L'ovazione di tutto lo stadio

Effettivamente, dopo il terzo straordinario centro di serata, lo stadio Benito Villamarín si è alzato letteralmente in piedi ad applaudire l'avversario più forte, in una lezione di sportività senza precedenti. Un'ovazione che ha sorpreso lo stesso asso argentino che ha risposto applaudendo il pubblico presente. Che ha assistito ad una serata magica.

I nuovi record della Pulga

Oltre all'ennesima tripletta in carriera, la vittoria contro il Real Betis sarà ricordata da Lionel Messi come la partita dei nuovi record battuti. La Pulce  argentina ha superato Xavi nel numero di vittorie totali raggiunte con il Barcellona (477) ed ha appaiato Iniesta per le presenze totali con la maglia catalana (674).