Il rigore sbagliato da Messi contro Cech nel 2012
in foto: Il rigore sbagliato da Messi contro Cech nel 2012

Come si ferma il ‘Tridentazo' del Barcellona? Arsene Wenger e l'Arsenal proveranno a resistere allo tsunami blaugrana che in Messi la stella più brillante e Neymar e Suarez come alter ego di un attacco micidiale. L'andata degli ottavi di Champions riserva un match ad alto contenuto agonistico, un banco di prova importante per i catalani la cui marcia verso la finalissima di Milano sembra inarrestabile. Orgoglio a parte – endemico delle squadre inglesi – i ‘Gunners' si aggrapperanno a tutto pur di non soccombere e tenere la qualificazione in bilico. A tutto, anche alle statistiche e alla scaramanzia che pone di fronte alla Pulce un avversario finora invalicabile.

Si tratta del portiere, Cech, che per l'argentino è una sorta di tabù: ogni qual volta l'ha incontrato (ben 6 occasioni) non è mai riuscito a fargli gol. Come trovarsi ai piedi di una montagna altissima e non sapere da dove cominciare la scalata… anzi, l'incontro con il numero uno della Repubblica Cea evoca brutti ricordi al Pallone d'Oro sudamericano: nel 2012, in semifinale di Champions League, gli spagnoli beneficiarono di un calcio di rigore, alla battuta andò Messi ma fu sfortunato e centrò la traversa. Allora, l'attuale numero uno dei londinesi era tra i pali del Chelsea e quel legno fu quasi una sorta di segno del destino considerato che ad alzare la Coppa furono proprio i Blues. Tutto questo fino al tocco delizioso che nella ripresa ha fatto cadere il castello dei Gunners: leggera finta di Messi, difesa e portiere fuori tempo… non gli resta che accompagnare la palla in rete.

I tabloid aggiungono ancora un altro dettaglio: il portiere ceco ha dalla sua anche il record di partite senza subire gol (ben 170) in Premier League. "Non so quanti portieri possano vantare un primato come il mio contro Messi – ha ammesso Cech alla vigilia della sfida di Champions -. L’ultima volta che l'ho incrociato ero al Chelsea, riuscimmo a strappare un 2-2 al Camp Nou e poi volammo verso la conquista del Trofeo. Adesso mi sta bene pure che Messi mi faccia 3 gol, a patto che a qualificarsi sia l’Arsenal".