Tutto in novanta minuti. Il Napoli è di scena a Rotterdam e giocherà contro il Feyenoord (ultimo nel girone e già eliminato dalle Coppe) l'ultima partita della fase a gruppi: ha un solo risultato a disposizione, la vittoria. E potrebbe non bastare per agganciare la qualificazione agli ottavi di finale perché, oltre a battere gli olandesi, deve sperare che il Manchester City (al sicuro e proiettato con la testa al sorteggio di Nyon) faccia risultato pieno in Ucraina. Allo Shakhtar, invece, basta anche un pareggio per mettersi al sicuro, la classifica glielo consente anche in caso di successo dei partenopei che chiuderebbero a quota 9 punti rispetto agli 11 del club di Donetsk.

"Peccato non essere artefici del nostro destino", disse Maurizio Sarri due settimane fa subito dopo aver sconfitto al San Paolo proprio lo Shakhtar grazie anche un gol bellissimo segnato da Lorenzo Insigne. Una perla che la Uefa ha omaggiato selezionandolo tra le conclusioni da proporre agli utenti perché scelgano la migliore. Il ‘magnifico' non ci sarà: alle prese con un problema muscolare, non figura nemmeno nella lista dei convocati. Il tecnico lo ha tenuto a riposo in via precauzionale ed è in dubbio anche la presenza contro la Fiorentina. Al suo posto nel tridente ci sarà Zielinski che completerà l'attacco con Mertens e Callejon.

La classifica del Girone F prima dell'ultima giornata della fase a gruppiin foto: La classifica del Girone F prima dell'ultima giornata della fase a gruppi

A rassicurare in parte il Napoli è stato lo stesso tecnico dei citizens, Pep Guardiola. Secondo quanto riportato da SkySport, avrebbe inviato un sms al cellulare dell’amico e allenatore. Il contenuto del messaggio è chiaro: ovvero, ha promesso che la squadra darà il massimo per onorare l'impegno con lo Shakhtar e vincere la partita. Concetto ribadito anche nella conferenza stampa della vigilia.

Giocheremo per vincere la partita, prima o poi perderemo ma ci riprenderemo già il giorno dopo – ha ammesso Guardiola -. Posso solo promettere che proveremo a vincere la partita. Siamo felici di essere già qualificati, ma ci attende una gara difficile. Siamo qui per vincere, ci prepareremo mentalmente per vincere.