Il suo nome è stato inserito nella lista dei 30 finalisti del Pallone d'Oro 2017. Un ulteriore motivo d'orgoglio per Dries Mertens protagonista di un rendimento superlativo con la maglia del Napoli. Qualità e gol per il belga che ha iniziato la stagione, nel segno della continuità e del gol con 9 reti e 5 assist a referto in 11 uscite. E mentre Sarri, De Laurentiis e i tifosi azzurri si godono le prestazioni del centravanti, le big del calcio internazionale valutano la possibilità di pagare la sua clausola rescissoria.

La clausola rescissoria nel nuovo contratto di Mertens.

Il Napoli nei mesi scorsi, nell'ambito del suo mercato conservativo finalizzato a trattenere tutti i big alla corte di Sarri, ha deciso di rinnovare il contratto del calciatore belga. Nuovo vincolo fino al 2020 con un aumento dell'ingaggio da 1.2 a 3.5 milioni di euro. Per blindare Mertens inoltre ecco una clausola rescissoria di circa 30 milioni di euro, e valida solo per l'estero per evitare nuovi casi alla Higuain.

I top club interessati a Mertes sul calciomercato.

30 milioni di euro non sono certo una cifra proibitiva per i top club del Vecchio Continente, soprattutto dopo l'ultima eccezionale finestra di calciomercato, capace di stravolgere tutti i record di investimenti. Secondo quanto riportato da "Il Corriere del Mezzogiorno", ecco allora che diverse corazzate del calcio europeo hanno messo nel mirino il classe 1987 belga. Tra queste a far la voce grossa sono soprattutto le big della Premier, ovvero Manchester United, Arsenal e Chelsea, senza però dimenticare il Barcellona che in Mertens troverebbe un calciatore perfettamente congeniale per il tridente di Valverde.

Il pressing di mercato estivo dello United.

Già nella scorsa estate il Manchester United ha tentato il belga arrivando ad offrirgli un ingaggio da circa 5 milioni di euro a stagione. José Mourinho avrebbe visto nel belga una pedina fondamentale per i Red Devils soprattutto per la sua duttilità che gli permette di giocare sia nelle vesti di esterno offensivo, sia di punta centrale.