L'accordo con il Cagliari per Nicolò Barella ha permesso all'Inter si sbrogliare la prima matassa di mercato. L'operazione s'era annodata intorno alla reticenza del club sardo che chiedeva 50 milioni di euro cash per lasciar partire il calciatore. L'intesa è stata trovata per una somma di 45 milioni più bonus facendo leva sulla volontà del calciatore che non ha mai avuto obiettivi differenti rispetto alla maglia nerazzurra. Sistemato il centrocampo (in precedenza era arrivato anche Stefano Sensi), le attenzioni si concentrano tutte sull'attacco, laddove i casi Edin Dzeko e Romelu Lukaku occupano le news in tempo reale sulle trattative del club.

Le trattative dell'Inter per Edin Dzeko e Romelu Lukaku

Tra le novità dell'ultima ora si registra un'apertura del Manchester United per il belga mentre dalla Capitale – malumore a parte del bosniaco – non giungono segnali incoraggianti. Ecco a che punto sono le due operazioni condotte per soddisfare le richieste del tecnico, Antonio Conte.

A che punto è l'operazione con la Roma per il bosniaco

Mauro Icardi è stato ufficialmente messo nella lista delle cessioni, attualmente l'attacco dell'Inter insiste solo sulle spalle di Lautaro Martinez. E' anche per questa ragione che il tecnico ha fatto alla società due nomi precisi: il primo è Edin Dzeko, un calciatore che l'ex ct avrebbe voluto a Londra già ai tempi del Chelsea. Nella giornata di lunedì il bosniaco s'è presentato a Villa Stuart per le visite mediche prima del ritiro ma non era affatto entusiasta della situazione che s'è arenata sulle richieste della Roma al quale è legato da un contratto fino al 2020: 20 milioni di euro è la domanda dei giallorossi, 13 milioni e una contropartita tecnica è l'offerta dell'Inter che non è intenzionata a svenarsi per un calciatore di 33 anni che tra pochi mesi entrerà in scadenza. Per adesso non c'è accordo tra le parti nonostante l'intesa con Dzeko ci sia già sulla base di un triennale da 4 milioni netti a stagione più bonus.

L'attaccante belga aspetta un segnale di via libera da Old Trafford

Uno spiraglio rispetto a una porta chiusa. Il Manchester United ha concesso un'apertura all'Inter per trattare la cessione di Romelu Lukaku. Il motivo? L'attaccante belga sarebbe stato messo ufficialmente sul mercato in seguito alle indicazioni del tecnico, Solskjaer, che non lo considera la prima scelta. Per adesso il calciatore ha risposto ‘presente' alla convocazione per la tournée in Australia dei Red Devils ma attende solo un segnale per abbracciare la nuova esperienza nerazzurra. Anche nel suo caso un'intesa di massima su contratto e stipendio c'è già (cinque anni, ingaggio da 6.5 milioni più bonus a stagione) il punto è che lo United parte da una richiesta di circa 80 milioni di euro, mentre i nerazzurri al momento sono fermi a 60.