Il Napoli ha perso per cinque mesi il difensore algerino Ghoualm, che però almeno molto presto firmerà il rinnovo contrattuale da 3,5 milioni netti a stagione. Nella rosa di Sarri il calciatore va sostituito e a gennaio arriverà un altro terzino sinistro. Sono tanti i giocatori che sta seguendo il d.s. Giuntoli. Il prescelto sembra il croato Vrsaljko, ma nell’elenco spunta anche il francese Evra, da poco licenziato dal Marsiglia.

Ghoulam vicino al rinnovo.

Ghoulam si è fermato sul più bello, perché quest’anno il giocatore ha fatto un grandissimo salto di qualità ed è stato determinante in questa prima parte della stagione. L’algerino, che era stato anche nel mirino di club importanti e che ha visto crescere in modo esponenziale il proprio valore di mercato, ha trovato l’accordo con De Laurentiis e presto firmerà un contratto da 3,5 milioni netti fino al 2023.

Vrsaljko e Criscito, storici obiettivi di mercato del Napoli.

Il futuro su quella fascia è naturalmente di Ghoulam, per ora il posto è di Mario Rui, che probabilmente si alternerà con Hysaj e Maggio. Ma da gennaio Sarri avrà in rosa un altro esterno sinistro. Piace Vrsaljko, obiettivo storico. L’Atletico lo pagò 20 milioni di euro, ma con Simeone non si è trovato bene e ora tornerebbe volentieri in Italia. L’Atletico non lo svende. Difficoltà grosse anche con Criscito, che è stato accostato al Napoli spesso, anche se non se n’è fatto mai nulla. E la sua candidatura non si può escludere.

Evra e Dalot i nomi nuovi.

Ci sono però anche due nomi a sorpresa nella lista di Giuntoli. Il primo è quello di Diogo Dalot, terzino classe 1998 del Porto con cui ha esordito circa un mese fa. Un giocatore dal grande futuro, che è stato grande protagonista anche con l’Under 15 e ora ha ottenuto la prima chiamata con l’Under 21. Il Napoli lo segue da tempo, ma gettare subito nella mischia un ragazzo così giovane non sarebbe facile. Per questo nell’elenco c’è anche il nome di un giocatore molto esperto, quello di Patrice Evra appena licenziato dal Marsiglia, per aver dato un calcio a un tifoso. Trentasei anni, ex juventino e con cinque finali di Champions League giocate in carriera, Evra darebbe sicuramente esperienza e carisma al gruppo azzurro, anche se a livello d’immagine non sarebbe forse una grandissima mossa considerato che presto il giocatore riceverà una lunga squalifica dall’Uefa.