Ventisette presenze in campionato e quattro gol. A poco più di un anno dal suo arrivo a Barcellona, Philippe Coutinho non è ancora riuscito a fare la differenza con la maglia blaugrana. Nella Liga, ma anche in Champions League dove il brasiliano ha realizzato soltanto due gol: l'ultimo nel 5-1 rifilato al Lione. Troppo poco per uno come lui, inseguito a lungo e pagato ben 160 milioni di euro. Il suo ruolino di marcia in Spagna, contestato anche dagli stessi tifosi del Camp Nou, ora rischia di complicargli il suo futuro catalano.

Le parole di Ernesto Valverde ("Noi da lui ci aspettiamo molto"), non sono infatti sufficienti per garantire la permanenza dell'ex Liverpool a Barcellona. Nonostante il contratto fino al 2023, Coutinho potrebbe dunque tornare sul mercato nella prossima estate. Secondo il quotidiano spagnolo "Sport", sarebbero infatti già tre i club inglesi, e uno italiano, che si sono interessati al brasiliano.

Anche la Juventus alla finestra

Le tre società disposte ad accontentare il Barcellona in caso di cessione di Coutinho (la dirigenza blaugrana avrebbe chiesto tra i 130 e i 150 milioni di euro), sarebbero Chelsea, Paris Saint Germain e Manchester United. I Blues vorrebbero infatti sostituire Hazard con il brasiliano, mentre il Psg vorrebbe invece accontentare Neymar e mettergli di fianco il suo compagno di nazionale. Red Devils e Blues sarebbero di gradimento del giocatore, che conosce già molto bene la Premier League.

Ad osservare i movimenti di mercato intorno al nome dell'ex attaccante dell'Inter, ci sarebbe però anche la Juventus. Con il Barcellona interessato a Paulo Dybala, non è infatti da escludere un possibile scambio tra i due club con Coutinho che tornerebbe clamorosamente in Italia: questa volta con la maglia bianconera. L'unico problema per la società di Agnelli è l'ingaggio del calciatore del Barcellona: 13,5 milioni a stagione. Una cifra troppo alta anche per un club in salute come quello juventino.