L’Inter ha piazzato il primo colpo di mercato venerdì scorso acquistando dal Manchester United Ashley Young, poi arriveranno molto probabilmente Giroud, Eriksen e un esterno di centrocampo. Marotta ha provato a smorzare l’entusiasmo per il danese, ma è stato netto quando ha parlato del mancato scambio tra Politano e Spinazzola.

Marotta punge la Roma

Il dirigente dell’Inter ha parlato dello scambio non concluso tra Inter e Roma per Spinazzola e Politano. Marotta ha detto che tutto è stato valutato con eccessiva superficialità, il club nerazzurro ha voluto fare le giuste valutazioni perché c’erano tanti milioni in ballo:

Spinazzola-Politano? C'è stato un clamore mediatico veramente eccessivo. Massimo rispetto per Spinazzola, ottimo professionista che ho conosciuto alla Juve. Le valutazioni sono tecniche, economiche, fisiche e mediche. L'operazione Spinazzola era un'operazione da 55 milioni di euro. La società ha il diritto ed è giusto che analizzi bene tutte le situazioni. Al termine di queste valutazioni, non abbiamo concluso la trattativa e ho avvertito il mio omologo e collega della Roma. Tutto qua.

Il futuro di Politano

L’ex a.d. della Juventus non si è sbilanciato sul futuro di Politano, che comunque sembra molto lontano dall’Inter. Marotta tiene a precisare che la foto fatta dall’attaccante con la sciarpa della Roma non è stata scattata con il consenso del club di Suning:

Politano? La foto fatta con la sciarpa della Roma non dipende dalla nostra gestione. Spinazzola non ha fatto alcuna foto con noi. Questa è una prima riflessione. A Politano dobbiamo il massimo rispetto, gli abbiamo spiegato la situazione ieri. Sono dei professionisti, devono convivere con questa realtà. E' nostro e valuteremo il suo futuro nel migliore dei modi.

La trattativa dell’Inter per Eriksen

Christian Eriksen è vicinissimo all’Inter, ma non è ancora un giocatore nerazzurro. Marotta non ha negato la cena con il procuratore del danese, ma non ha confermato che il giocatore del Tottenham firmerà con l’Inter, né ora né in estate:

Eriksen è del Tottenham, non è un nostro giocatore. Sappiamo che va in scadenza. Certo che ho cenato con il procuratore, è legittimo e autorizzato dal regolamento. Da qui a dire che Eriksen arriverà a gennaio o giugno ne passa molto, la concorrenza è tanta.

Giroud e Moses

L’attaccante francese è a un passo, ma Marotta teme di non chiudere la trattativa. Mentre l’esperto uomo mercato dice che Moses è uno dei candidati per la fascia sinistra:

Non posso negare che abbiamo parlato con Giroud, il rischio che non si concluda c'è. Le giuste valutazioni saranno fatte quando si incastreranno alcune situazioni. Legato a Politano? Potrebbe. Moses? Posso dire che è un candidato, sicuramente sì.