"Mauro vuole restare all'Inter e io lavoro per fare la pace". Nella settimana del derby e del rientro in Italia del presidente, Steven Zhang, dopo i colloqui con Marotta e l'avvocato Nicoletti (legale della coppia), Wanda Nara interrompe il silenzio e parla (come sempre) dal salotto della trasmissione Tiki Taka. E' da lì che la musa, moglie e agente di Icardi dà il su vaticinio: è tempo di sotterrare l'ascia di guerra (assieme alla fascia di capitano), lasciare che le cose compiano il naturale percorso compreso il periodo sabbatico di cure che il calciatore s'è concesso per guarire dai fastidi al ginocchio che lo hanno bloccato finora.

  • Ce la farà a essere pronto per la sfida contro l'Inter? E' la domanda che fa pendant con quel "ok ma quando rientra" che è il tormentone in casa nerazzurra. La risposta è sibillina, va interpretata: ogni decisione è presa non solo per il proprio bene ma anche per quello della società

Non si è inventato il problema al ginocchio, si sta curando 24 ore su 24 – aggiunge Wanda Nara -. Dà priorità alla salute in questo momento perché forse non si sente importante per la squadra. Mauro vuole continuare la sua carriera nell'Inter, speriamo si risolva tutto al più presto. E l'incontro con la dirigenza è stato positivo come è naturale che sia quando le parti si confrontano seriamente.

  • Altro quesito: perché questa volta né lei né l'attaccante erano in tribuna a San Siro per assistere alla partita contro la Spal? Qui la signora Icardi è più diretta nella risposta e sgombra il campo da eventuali, ulteriori equivoci di una situazione che si trascina da settimane in attesa del colpo di scena.

Contro la Spal siamo rimasti a casa con i figli non perché avevamo paura dei fischi. E' stata una cosa anche concordata con la società… tant'è vero che in questo periodo parlo più con Marotta che con Mauro per evitare possibili fraintendimenti in un momento come questo. Dovevamo vincere e abbiamo vinto, sono felicissima.

  • Ultima domanda, è vero che tra le condizioni per tornare in gruppo e quindi anche in campo c'è la cosiddetta ‘riabilitazione pubblica' rispetto a quanto accaduto? Anche in questo caso, Wanda Nara è molto precisa.

Abbiamo chiesto la sua riabilitazione pubblica? Non è vero. Forse quando Mauro parlerà molti capiranno tante cose…

L'oracolo ha parlato, adesso attendiamo che sia fatta la volontà degli dei. In fretta, però, perché la stagione dell'Inter è già al bivio e passa per San Siro: Eintracht Francoforte e Milan possono spedirla agli inferi oppure spalancarle le porte dei Campi Elisi.