Simone Inzaghi non lascia nulla al caso. Anche nel finale di Fiorentina-Lazio l'allenatore dei capitolini ha provato a portare a casa i 3 punti provando a rimodellare la squadra costretta a perdere per infortunio Radu. Ecco allora che il tecnico biancoceleste ha consegnato un "pizzino" a Bastos, il calciatore lanciato sul terreno di gioco al posto del rumeno, con le indicazioni per i compagni di squadra. Cosa ha scritto Simone Inzaghi sul foglietto? Le dritte per il nuovo modulo, con tutti i nomi (o nomignoli) dei propri giocatori.

Foto Sky
in foto: Foto Sky

Cosa c'era scritto nel pizzino dato da Inzaghi a Bastos in Fiorentina-Lazio

Al minuto 83′ di Fiorentina-Lazio Simone Inzaghi è stato costretto a sostituire l'acciaccato Radu con Bastos. Il tecnico ha consegnato al giocatore neoentrato un foglietto di carta con una serie di indicazioni sul nuovo modulo della squadra per provare a portare a casa i 3 punti in una sfida pesantissima in chiave Europa. Il centrale angolano dopo aver fatto il suo ingresso sul terreno di gioco ha consegnato il "pizzino" ad Acerbi, autorizzato a dare le nuove direttive ai compagni. Per il finale di partita Lazio in campo con la difesa a 3 con Romulo e Marusic sulle corsie, Leiva a coprire le spalle a Badelj e Milinkovic con Correa libero di svariare alle spalle di Ciro Immobile. Un modo per contrastare la Fiorentina, ridisegnata da Pioli nella ripresa con Mirallas.

Simone Inzaghi e i nomi dei giocatori della Lazio

Nel foglietto con le indicazioni tattiche consegnate alla squadra per il finale di Fiorentina-Lazio non mancano anche altre curiosità interessanti, come quelle relative ai nomi utilizzati da Simone Inzaghi all'interno dello spogliatoio. In difesa per esempio, il baluardo Acerbi diventa "Ace", con lo spagnolo Patric che viene invece inglesizzato Patrik come sottolineato da Sky. Ad essere invece italianizzato è Milinkovic-Savic che viene chiamato Sergio invece di Sergej. Soprannome per Correa, protagonista di una gara di alta qualità: il Tucu può muoversi a suo piacimento alle spalle di Immobile, chiamato semplicemente "Ciro".