La perdurante assenza di Mauro Icardi ha dato a Lautaro Martinez la possibilità di giocare da titolare con l’Inter. Il ‘Toro’ non ha fatto pesare l’assenza dell’ex capitano, ha sempre giocato bene e spesso ha segnato, lo ha fatto anche nel derby, vinto per 3-2. Lautaro dal ritiro della nazionale argentina ha parlato anche del suo amico Maurito:

La sua situazione? Non è una cosa bella, né per lui né per il gruppo, noi non possiamo farci nulla, tocca a lui prendere una decisione insieme alla gente che lo circonda e al club. Deve risolverla con il suo entourage. Noi lavoriamo come Icardi, siamo a disposizione dell’Inter.

Le emozioni del post derby

Ai microfoni di TNT Sports il numero 10 dell’Inter ha parlato del suo bel momento personale, ha parlato delle emozioni provate nel post derby e soprattutto ha detto di essersi ambientato completamente nel calcio italiano, in cui regna la tattica:

Sono molto felice, la notte non sono riuscito nemmeno a dormire per la gioia e le emozioni provate. Ora mi sono ambientato nel calcio europeo e in un campionato, quello italiano, che è molto competitivo e dove c’è grande attenzione per la tattica. Mi sento un giocatore più completo.

Lautaro, il rapporto con Messi, Dybala e le frecciate a Sampaoli

In nazionale Lautaro ha trovato Leo Messi, di nuovo con la Seleccion dopo nove mesi. L’interista è felice di giocare con quello che definisce il miglior giocatore del mondo e ha detto di trovarsi molto bene anche con Dybala, che potrebbe essere un obiettivo di mercato nerazzurro. Infine una stoccata nei confronti dell’ex c.t. Sampaoli:

Ho parlato con Messi prima che iniziasse l’allenamento, è molto felice di essere tornato e per noi è molto importante che ci sia, è il miglior giocatore del mondo e può far crescere tutti noi. Dybala? Con lui mi trovo molto bene. Sampaoli? C’è stata molta confusione mi ha dato il suo sostegno quando mi sono infortunato, quando sono tornato in campo ho fatto molto bene, ci siamo incontrati e mi ha detto cose che mi avevano illuso, alla fine non sono entrato nella lista dei 23 e per me è stata una grande delusione.