Chi la fa l’aspetti dice un vecchio adagio. Il famoso gesto di Simeone dopo il gol del 2-0 dell’Atletico alla Juventus nella gara di andata degli ottavi di Champions è stato ripetuto da CR7 quando è finita, in modo glorioso, la gara di ritorno degli ottavi. A suo modo Cristiano Ronaldo ha mandato un messaggio a Simeone e ha mostrato a tutti che i bianconeri hanno gli ‘huevos’. Questo gesto però a Ronaldo può costare una squalifica.

L’Atletico pensa a un procedimento contro Ronaldo

Secondo quanto scritto da ‘Tuttosport’ l’Atletico Madrid vorrebbe presentare alla Uefa un esposto sul comportamento tenuto da Cristiano Ronaldo. Per i ‘Colchoneros’ questo gesto è diverso da quello fatto all’andata da Simeone, che non fu squalificato, nonostante i precedenti, ma solo multato. Secondo l’Atletico il ‘Cholo’ si era rivolto ai sostenitori biancorossi, mentre il gesto di CR7 sarebbe provocatorio perché diretto ai tifosi spagnoli, e se fosse così sarebbe provocatorio.

Cosa dice l’articolo 15

Finora è solo un processo alle intenzioni, ma se ci fosse la provocazione la squalifica potrebbe esserci. Nel Disciplinary Regulations, precisamente all’articolo 15, è scritto che la provocazione al pubblico porta alla squalifica di un turno o più in relazione all’atto. La Uefa non ha aperto nessun procedimento, ma c’è un precedente che spaventa la Juventus.

Ronaldo e il precedente di Griffiths

Due anni fa in un match di preliminari di Champions League tra Celtic e Linfield, il giocatore scozzese Leigh Griffiths ebbe qualche problemino con i tifosi della squadra avversaria, gli lanciarono degli oggetti e fu spesso provocato. Al termine di quell’incontro Griffiths prese una sciarpa del Celtic e la legò al palo di una delle porte dello stadio del Linfield, quel gesto fu considerato provocatorio e Griffiths si beccò una giornata di squalifica. Adesso bisogna attendere il responso dalla Uefa, la Juventus e Ronaldo sperano arrivi solo una multa.