Quale sarà il futuro di José Mourinho? Dove allenerà il manager portoghese nella prossima stagione? In attesa di sciogliere i dubbi sul suo futuro che attualmente è una vera e propria incognita l'allenatore si "diverte" nelle vesti di opinionista. Mou dopo la finale della Champions League vinta dal Liverpool si è dilettato a stilare la sua formazione ideale dell'ultima edizione del massimo trofeo continentale. Un undici in cui a fare la voce grossa sono i Reds con 6 rappresentanti e in cui spicca l'assenza del connazionale Cristiano Ronaldo

Mourinho e i migliori giocatori dell'ultima Champions. Escluso Ronaldo

José Mourinho nelle vesti di opinionista per BeIN Sports ha stilato la sua formazione ideale dell'ultima Champions League. Nella Top 11 scelta dallo Special One, c'è spazio per ben 6 giocatori del Liverpool, ovvero Alisson, Alexander-Arnold, Van Dijk, Robertson, Mané e Salah. A completare la formazione dei migliori giocatori della competizione, ci sono a giudizio del manager portoghese 3 gioiellini dell'Ajax, ovvero De Ligt, De Jong e Van de Beek, Christian Eriksen del Tottenham e Leo Messi del Barcellona. Spicca e non poco l'assenza del connazionale Cristiano Ronaldo che invece è stato inserito nella "Squad of the Season" della Champions stilata dall'Uefa. Mourinho pur riconoscendo l'ottima prima stagione alla Juventus di CR7 ha puntato solo su giocatori che hanno preso parte almeno alle semifinali del torneo.

La top 11 della Champions League di José Mourinho – (4-3-3):  Alisson Becker (Liverpool); Trent Alexander-Arnold (Liverpool), Virgil van Dijk (Liverpool), Matthijs de Ligt (Ajax), Andy Robertson (Liverpool); Donny van de Beek (Ajax), Frenkie de Jong (Ajax), Christian Eriksen (Tottenham); Lionel Messi (Barcelona), Sadio Mané (Liverpool), Mohamed Salah (Liverpool).

Dove allenerà José Mourinho nella prossima stagione

Cresce la curiosità per il futuro di José Mourinho. Dopo la conclusione dell'esperienza al Manchester United, il manager portoghese è pronto a tornare in panchina. La destinazione però al momento è un'incognita, visto che le panchine dei top club sembrano essere tutte occupate. Nelle ultime settimane si è parlato anche di Lione e Roma, che al momento però rappresentano una suggestione. A tal proposito queste le parole di Mou ad Eleven Sports: "Vincere in un quinto campionato diverso o vincere una Champions League per un terzo club diverso sono cose che mi piacerebbe fare, ma non ne faccio un’ossessione. Sono più convinto dal progetto. Voglio essere contento. Non voglio accettare una proposta senza essere realmente convinto. E per essere contento non vuol dire necessariamente vincere, che in sostanza è sempre stata la mia essenza. Ma se mi dicessero ‘oggi non ci sono condizioni per vincere, ma vogliamo che tu crei le condizioni per vincere’, valuterei"