Una brutta figura, diventata immediatamente virale. Kylian Mbappé si è reso protagonista di un pessimo tentativo di simulazione nel finale della sfida tra la Moldavia e la Francia. Sul risultato di 4-1 per i Bleus, il gioiello del Paris Saint Germain si è letteralmente tuffato in area di rigore avversaria. Un gesto goffo che non ha ingannato l'arbitro che ha estratto il cartellino giallo nei confronti di Mbappé.

La goffa simulazione di Kylian Mbappé in Moldavia-Francia

Nei minuti di recupero di Moldavia-Francia, sfida valida per le qualificazioni a Euro 2020, Mbappé si è reso protagonista di un brutto gesto. Sul risultato di 4-1 per i Bleus, e dunque in cassaforte, il bomber autore della rete del momentaneo 3-1, ha provato ad ingannare l'arbitro. Assist di Fekir per l'attaccante del Paris Saint Germain che sull'uscita del portiere avversario si è letteralmente tuffato, simulando un fallo del numero 23 moldavo. Nessun contatto tra i due, per quello che è stato un tentativo estremamente goffo di Mbappé di ottenere con un calcio di rigore per realizzare la sua personale doppietta.

Mbappé ammonito, pioggia di critiche sui social e paragoni con il simulatore Neymar

L'arbitro non ha avuto dubbi sulla dinamica dell'episodio e non ci ha pensato su due volte ad estrarre il giallo per Kylian Mbappé. L'attaccante ammonito dunque per simulazione, ha reagito quasi con stupore protestando per il fatto di non aver richiesto il penalty. Una situazione davvero curiosa che inevitabilmente è diventata virale sul web e sui social facendo piombare Mbappé nell'occhio del ciclone. I tifosi si sono scatenati, facendo riferimento in maniera ironica alla presunta influenza negativa del compagno di squadra del Psg Neymar considerato un vero e proprio "simulatore seriale" soprattutto dopo i Mondiali