Il primo traguardo è ormai vicino. Se la Juventus riuscirà a non perdere a Ferrara contro la Spal, potrà infatti festeggiare in anticipo il suo ottavo scudetto consecutivo. Il tutto a pochi giorni dal decisivo ritorno dell'ottavo di finale di Champions League contro l'Ajax. Con la partita dello Stadium alle porte, Massimiliano Allegri ha così confermato che quella che schiererà al "Paolo Mazza" sarà dunque una squadra fortemente rivisitata dal turnover: "Devo ancora valutare, ma molti giocatori riposeranno – ha spiegato il mister nella conferenza stampa della vigilia –  Ci sono giocatori che hanno bisogno di giocare, alcuni potranno rimanere a casa. Chi verrà a Ferrara avrà l’occasione per prendere lo Scudetto".

Cristiano Ronaldo rimane a Torino

"Per noi sarà una partita importante – ha agguato Allegri – Dobbiamo conquistare il punto o i tre punti per lo Scudetto, contro una squadra che ha vinto le ultime due in casa. Chi giocherà dovrà fare tanto. Kean sarà sicuramente in campo, probabile anche l'impiego di un giovane tra Nicolussi o Coccolo. Sugli infortunati non ha senso fare previsioni, chi si allena domenica con la squadra sarà a disposizione. Cristiano Ronaldo? Difficilmente giocherà, rischiarlo con la Spal non ha senso. Ma come lui sono in molti che hanno bisogno di recuperare. Cuadrado ci sarà".

La festa per lo scudetto

Dopo aver brevemente toccato l'argomento legato alla gamba di Douglas Costa ("Un conto è parlare di malizia e di slealtà. Nel calcio serve anche la malizia, altrimenti si farebbe un altro sport"), il tecnico juventino si è poi soffermato sulla possibile festa tricolore: "I festeggiamenti verranno rimandati perché martedì abbiamo l’Ajax con cui dovremmo passare. Se riusciremo a vincerlo sarà sicuramente bello, perché vincere gli scudetti non è facile, otto di fila ancora meno. Va celebrato perché è stato fatto un lavoro straordinario dalla società negli ultimi anni, da quando alla presidenza c'è di nuovo Agnelli".