L'Inter che verrà sarà quella griffata Beppe Marotta, una firma importante nel mondo del calcio, non solo italiano. L'ufficialità arriverà entro metà dicembre ma poco conta, oramai si è ai dettagli di un contratto con cui uno dei migliori dirigenti diventerà un punto di riferimento della nuova Inter di Suning. Con ampio margine di manovra per quanto riguarda la sfera sportiva, in primis il mercato.

L'Inter avrebbe così trovato l'anello mancante, l'ultimo, per avvicinarsi in modo concreto al primo obiettivo su cui puntare, lo scudetto. La struttura della squadra c'è, il tecnico attuale gode di fiducia, la società ha appena nominato Zhang jr presidente e la presenza di Suning è palpabile in tutto, dallo sviluppo del brand, agli introiti aumentati, al progetto tecnico convincente.

Marotta, punto di partenza del nuovo progetto

Più che la classica ciliegina, Marotta rappresenta la crema pasticcera, la base su cui si strutturerà il dolce nerazzurro. Perché dall'ex dirigente bianconero partiranno le prime importanti indicazioni di mercato, in una lista di profili graditi e funzionali alle esigenze. Sia sul panorama italiano, dove sono presenti interessanti talenti che su quello internazionale.

Dipenderà moltissimo dai risultati di questa stagione, dove si dovrà confermare la presenza in Champions possibilmente limando ulteriormente il gap dalla Juventus e in Europa, dove si dovrà proseguire il più possibile per riacquistare fiducia e riconoscimento internazionale. Il tutto anche attraverso il mercato prossimo, quello invernale, il primo che sarà targato Marotta.

Le strategie ‘nazionali'

Tonali e Barella, Under 25 doc

Sul fronte ‘italiano', ci sono almeno sei/sette elementi da seguire e su cui l'Inter starebbe già progettando una sorta di proposta. Si parte dai giovanissimi in ascesa, come Sandro Tonali, 18 anni, centrocampista del Brescia e  Nicolò Barella, 21 anni, in mediana a Cagliari. Due elementi Under25 che si sposano bene col progetto del presidente Zhang, che pretende un gruppo votato al futuro.

La scheda di Sandro Tonali (transfermarkt.it)
in foto: La scheda di Sandro Tonali (transfermarkt.it)

I top player: Chiesa e Milinkovic

Poi, ecco l'elemento più interessante e di prospettiva in avanti, come Federico Chiesa, 21 anni, attaccante della Fiorentina dove piace anche i compagni di squadra Marco Benassi, 24 anni, e Cristiano Biraghi, 26 anni. Lasciando la Viola e puntando più a sud spunta il nome della Lazio e del sempre seguito Sergej Milinkovic-Savic, 23 anni, per il quale però servirebbe un investimento più che importante per accontentare Lotito.

La scheda di Federico Chiesa (transfermarkt.it)
in foto: La scheda di Federico Chiesa (transfermarkt.it)

I profili ‘internazionali'

Modric, ritorno di fiamma

Sul fronte internazionale, c'è sempre il punto esclamativo su Luka Modric in scadenza con il Real Madrid e in odore di Pallone d'Oro. Per il centrocampista croato sarebbe un ritorno di fiamma ma due sono i problemi di fondo: quasi impossibile – e deleterio – averlo a gennaio per le resistenze del Real Madrid e l'età che sfiorerà a giugno le 34 primavere.

Ramsey, Martial, de Jong

Occhi puntati però anche su altri giocatori, più giovani, di prospettiva come Aaron Ramsey, 27 anni, dell'Arsenal, oppure per restare in Premier, Anthony Martial, 22 anni, del Manchester United. Infine, un talento della giovane nazionale orange seguito da molti: Frenkie de Jong, 21 anni, dell'Ajax