Lautaro Martino ci sarà, Nainggolan no, Brozovic non è al top ma ci sarà. Icardi… chi è costui? L'attaccante argentino, decisivo all'andata con la rete segnata nel finale, è il grande assente del match e quando sarà possibile rivederlo in squadra/in campo è un mistero. Se ne riparlerà dopo la sosta (forse), la priorità adesso è vincere il derby per preservare il posto in zona Champions, per riscattarsi dopo le ultime prestazioni incolori, per ridare slancio a un ambiente deluso dall'eliminazione in Europa League maturata proprio contro a San Siro contro l'Eintracht.

La cosa fondamentale è entrare nelle prime quattro, quindi proviamo a vincere il derby – ha ammesso Spalletti in conferenza stampa -. Vero che siamo dietro, ma il Milan è davanti per un solo punto. Quello che può danneggiarci è credere di non essere all'altezza e per questo è importante che la squadra riprenda a lottare, a giocare. Contro l'Eintracht la cosa che mi è dispiaciuta di più è come siamo entrati in partita… eppure all'andata abbiamo visto che c'era la possibilità di andare avanti.

Niente Icardi, peso dell'attacco tutte sulle spalle di Lautaro Martinez che avrà ai lati Politano e Perisic. Keita c'è ma verrà utilizzato solo nel corso del match, i dubbi maggiori sono legati al centrocampo. In difesa Skriniar tornerà al centro del pacchetto arretrato con de Vrij.

Brozovic si è allenato correttamente ieri, chiaro che poi un po' di dubbio c'è – ha aggiunto il tecnico dell'Inter -. Noi pensiamo di recuperarlo e poterlo usare. Nainggolan non sarà convocato. Difficile ci siano sorprese. Non si è ancora allenato con la squadra. Niente da fare anche per Miranda, si è operato da poco e ha il naso gonfio. Il suo recupero è difficile ma giorno dopo giorno le valutazioni potrebbero cambiare.