Radja va recuperato, ha avuto vari infortuni e non si è allenato con continuità. Deve mettere minuti nelle gambe, reagirà. Sono convinto che dimostrerà perché l’abbiamo voluto.

Sono queste le parole che ha utilizzato Luciano Spalletti qualche giorno fa per descrivere la situazione che sta attraversando Radja Nainggolan, il grande acquisto estivo del club nerazzurro, che non sta vivendo una buona stagione al primo impatto con il mondo meneghino. Non sono i due goal segnati o i diversi infortuni a far preoccupare ma il modo di approcciarsi al lavoro e il modo in cui sta in campo il Ninja. Il centrocampista belga non ha fatto vedere nemmeno la metà del suo potenziale al pubblico di San Siro che, finora, lo ricorda per la sospensione dopo i ritardi agli allenamenti che gli ha fatto saltare la sfida col Napoli e per il rigore fallito contro la Lazio che ha regalato ai biancocelesti l'accesso alle semifinali di Coppa Italia.

Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, Nainggolan avrebbe stretto un ‘patto d'onore' con Spalletti e Marotta e da quel momento si sta allenando molto duramente per ritrovare la forma migliore. Il Ninja sta lavorando anche a livello alimentare, visto che sarebbe alle prese una dieta ferrea che lo ha già portato a perdere quattro chili nel giro di poche settimane. Il recupero di Radja può essere molto importante per la squadra nerazzurra, che finora non lo ha mai visto nel pieno delle sue potenzialità. Se il belga riuscirà davvero a rimettersi in sesto sia a livello fisico che mentale potrebbe essere un'arma in più nei prossimi mesi. Intanto Luciano Spalletti sta pensando di dargli una maglia da titolare già a partire dalla gara di Parma: il Ninja è in ballottaggio con Joao Mario per un posto nell'undici titolare al Tardini.